Aibotix Italia è il primo operatore abilitato per le operazioni critiche

0

A distanza di 8 mesi dalla entrata in vigore della normativa ENAC viene per la prima volta abilitato un operatore per attività critiche. Si tratta di Aibotix Italia, che a quanto ci risulta è oggi l’unico soggetto autorizzato a gestire il flusso completo delle operazioni.

E’ un passaggio importante, perché avviene al termine di un processo di valutazione ed esame da parte di ENAC che verifica la capacità di un operatore di assicurare la massima qualità in tutte le fasi delle attività, da quelle preliminari di valutazione e verifica di rischio e fattibilità, alle attività di volo vere e proprie, alla qualificazione dei piloti.

Ne parliamo con Alberto DeVitis, responsabile delle attività di volo di Aibotix Italia e primo pilota UAV abilitato da ENAC a gestire attività critiche:

E’ stato certamente un successo importante per noi, al termine di un percorso impegnativo ma estremamente affascinante. Bisogna infatti pensare che per essere in grado di gestire questo tipo di attività occorre avere una organizzazione e delle professionalità che sono tipiche dei settori aeronautici tradizionali ma ancora assolutamente nuove per il mondo degli UAV

Cosa intendi?

Dobbiamo essere in grado di assicurare completamente la tracciabilità e la qualità di tutte le operazioni. Questo richiede un livello di preparazione molto elevato per tutte le figure che operano nella organizzazione. E questo è l’aspetto più importante. Si parla di nuove professionalità in un settore ad alta tecnologia, ed ora questa visione comincia a realizzarsi. Servono figure esperte per gli aspetti aeronautici, per il trattamento delle informazioni, capaci di gestire l’operatività in campo e di prendere decisioni veloci e consapevoli.

E tu come sei arrivato a questo?

La passione per in volo mi ha portato agli studi di ingegneria aerospaziale, e poi ad avvicinarmi al mondo degli UAV. Ho poi avuto la fortuna di incontrare Aibotix e da qui è partita l’avventura. Ormai con qualche migliaio di ore di esperienza di volo sono un veterano tra i piloti UAV

Cosa si richiede ad un pilota?

Certamente una base culturale adeguata. I nostri piloti sono di norma ingegneri e sono capaci di gestire completamente una missione, si tratti di ispezioni di ponti, di fotogrammetria di aree a rischio, di emergenze.

Il pilota è colui che decide cosa fare e come farlo. E poi servono nervi saldi e la voglia di muoversi in ambienti anche difficili.

3039 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: