Drone svizzero non riesce a salvare un disperso italiano in Piemonte

0

aaa 2Da Locarno, in Svizzera, era arrivato anche un drone per aiutare i soccorritori a cercare Giacomo Grossi, sessantaduenne di Valdossola (VB), disperso durante una passeggiata all’alpe Nava. Il drone ha fatto il possibile per appoggiare le ricerche del soccorso alpino della stazione di Domodossola, della guardia di finanza e i vigili del fuoco; impegnati nelle ricerche anche le unità cinofile delle fiamme gialle e dei pompieri. Tutto inutile, per l’uomo non c’è stato nulla da fare. E parte la polemica: se il drone fosse arrivato prima si sarebbe potuto salvare?  Il responsabile  della Decima delegazione Valdossola del Soccorso alpino, Matteo Gasparini, in un’intervista ha dichiarato:  “Difficile fare ipotesi ora, certo è che se avessimo potuto impiegare nelle ore immediatamente successive all’incidente, grazie all’uso degli infrarossi, mah, magari qualche speranza in più c’era… Soprattutto i droni dotati di telecamere a infrarossi possono essere molto d’aiuto, essendo in grado di rilevare il calore del corpo. Siamo però ancora in un campo sperimentale, al momento non esiste ancora una specifica normativa in Italia”

 

1156 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: