Nuovi dettagli sul drone killer Rapere: usa una rete e 12 sensori

0

Aveva fatto scalpore la notizia di qualche tempio fa sul drone killer Rapere, progettato per abbattere altri droni. Innanzitutto ora ha un nome, Drone Interceptor MP200, scopriamo che è francese, e che è stato sviluppato a seguito dei sorvoli non autorizzati delle centrali nucleari transalpine di qualche mese fa. Dalle prime indiscrezioni non era chiaro come facesse il Rapere a catturare altri droni, ora sappiamo che usa una rete che viene calata sulla preda. Il Rapere non è radiocomandato ma completamente autonomo, e per scoprire il drone da catturare usa un sistema di 12 telecamere con sensori di movimento.

1907 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: