Droni e aeromodelli vietati nei parchi pubblici di Londra

0

Una serie di laconici cartelli posti agli ingressi dei principali Parchi Reali Londinesi, vieta il sorvolo e l’utilizzo dei droni all’interno dei parchi pubblici.

La capitale del vecchio continente reagisce così all’invasione dei droni perpetrata da genitori sconsiderati che appena usciti dal negozio di giocattoli librano nel cielo il gioco tecnologico per eccellenza. Se ne parlava subito dopo Natale e le recenti notizie dei sorvoli di Parigi non possono passare inosservate.

Difficile stabilire quanto siano giusti provvedimenti del genere, in fin dei conti non sono specificate ne le misure ne i  pesi dei droni, e quanto in effetti essi possano essere considerati giocattoli piuttosto che macchine da lavoro professionale. Nel resto del mondo ad esempio negli USA il sorvolo di parchi nazionali ha provocato non poche difficoltà ad alcuni modellisti e anche nel BelPaese abbiamo il primato di una cospicua sanzione affibbiata a chi si è permesso di volare nel Parco Nazionale del Gran Paradiso.

In attesa che la situazione velivoli a pilotaggio remoto, sia affrontata in maniera seria, con un regolamento che lasci poco spazio alle interpretazioni, magari frutto di un progetto comune, anche i modellisti londinesi, dovranno trovarsi posti adeguati per giocare con i loro piccoli droni perchè il cartello emesso dalla Segreteria di Stato parla piuttosto chiaro: “Il volo di Droni o di modelli aerocomandati nel parco è vietato“.

 

689 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: