Attività sperimentale: ENAC modifica il regolamento, ora è tutto più semplice

0

Importante modifica al regolamento Enac: con procedura d’urgenza, l’Authority ha modificato l’articolo 8 comma 16 del Regolamento Sapr: ora non bisogna più dare comunicazione all’ENAC dell’inizio della fase sperimentale, si passa direttamente alla non critica e poi si autocertifica a ENAC di aver condotto la fase sperimentale in cui – lo ricordiamo – si creano i manuali di volo, delle operazioni e analisi del rischio, cosa che permette di volare e soprattutto di lavorare anche con macchine non certificate (la stragramde maggioranza, se non la totatlità, dei droni in commercio).

“E’ un notevole passo avanti” commenta Carlo Facchetti di Geoskylab, la prima Organizzazione di Consulenza riconosciuta da ENAC. “Teniamo conto che prima bisognava inviare la documentazione all’ENAC e aspettare che l’Ente approvasse, ci volevano in media cinque settimane. Ora si passa direttamente alla non critica e si autocertifica l’avvenuta fase sperimentale, che naturalmente deve essere condotta con la stessa serietà di prima. Certo, ENAC ha molto da modificare nel suo regolamento, ma questo è comunque un notevole passo avanti nel segno della semplificazione”.

Ecco il nuovo articolo 8.16

L’attività sperimentale consente di effettuare attività di volo allo scopo di ricerca e sviluppo o attività di volo iniziale propedeutica alla presentazione della richiesta di autorizzazione o della dichiarazione per operazioni specializzate. Ne[ caso di attività iniziale propedeutica, l’attività deve essere finalizzata a determinare nell’ambito di quali condizioni e limitazioni le operazioni specializzate possono essere condotte in sicurezza. Essa è condotta sotto la responsabilità del pilota e nel rispetto delle previsioni di cui all’art. 8 comma 5a. e non necessita di preventiva comunicazione al[‘ENAC. Le modalità per [‘effettuazione dell’attività sperimentale per lo scopo “ricerca e sviluppo” devono essere autorizzate dall’ENAC.

e per confronto, la vecchia formulazione:

L’attività sperimentale consente di effettuare attivita di volo allo scopo di ricerca e sviluppo o attività di volo iniziale propedeutica alla presentazione della richiesta di autorizzazione o della dichiarazione per operazioni specializzate. Essa è condotta in aree non popolate , ad adeguata distanza da aree congestionate e in spazi aerei segregati. Nel caso di attività iniziale propedeutica , [‘attività deve essere finalizzata a determinare nell’ambito di quali condizioni e [imitazioni [e operazioni specializzate possono essere condotte in sicurezza. Le modalità per [‘effettuazione dell’attività sperimentale per [o scopo “ricerca e svi[uppo” o quelle propedeutiche per [‘autorizzazione ad effettuare operazioni specializzate critiche, devono essere autorizzate dall’ENAC,

 

5610 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: