La Nasa lancia il GL-10, il drone un po’ aereo, un po’ elicottero

0

Sarà targato Nasa il primo spork drone, ossia un velivolo multifunzionale in grado di passare dalla modalità elicottero a quella di aereo? Così sembrerebbe, visto che i test effettuati dall’agenzia spaziale americana sul GL-10 sembrano dare riscontri positivi.

Dopo gli esperimenti effettuati lo scorso anno su dei mezzi più grandi e alimentati da un motore diesel ibrido, il prototipo da 28 kg alimentato a batteria è riuscito in cinque occasioni a passare senza problemi dalla funzione elicottero all’aereo-mode: in sostanza significa che, dopo il decollo verticale, il drone ha ruotato l’inclinazione delle ali (e con esse otto dei dieci rotori), diventando un vero e proprio aereo in miniatura, sia per velocità che per resistenza.

“Siamo rimasti estasiati”, ha detto ingegnere aerospaziale Bill Fredericks in un comunicato, ipotizzando anche le future applicazioni del GL-10: “Potrebbe essere utilizzato per il trasporto di merce, oppure per la mappatura di ampie aree agricole; senza contare che, una versione molto più grande ed evoluta, potrebbe diventare una sorta di elicottero/aeroplano privato per una o quattro persone.

Quello della Nasa, però, non è il primo tentativo di drone ibrido. Anche l’esercito statunitense ha effettuato dei tentativi, ideando il V-22 Osprey: in questo caso a ruotare non erano le ali, ma direttamente i rotori, che cambiavano orientamento a seconda della rotta. I costi alti, i parametri di sicurezza non eccelsi e la mancanza di funzioni e potenzialità maggiori rispetto a un normale elicottero, tuttavia, ha spinto i centri di ricerca militari a stelle e strisce ad accantonare il progetto.

1117 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: