Il legale risponde: droni e spiagge

0
L’avvocato Francesco Paolo Ballirano risponde ai dubbi dei lettori. Oggi la domanda riguarda il sorvolo delle spiagge con gli APR.
Ricordiamo che solo gli associati possono porre le loro questioni al legale, e le domande di interesse generale verranno pubblicate.
Per accedere al servizio, e leggere le risposte alle domande selezionate, clic qui


Vorrei far volare il mio esacottero (f550) per attività ludica di video riprese su un paio di spiagge di un paese della Liguria. Attualmente le spiaggie sono sostanzialmente deserte da persone e beni. Premettendo l’indispensabile buon senso che sempre occorre in questo genere di attività, ci sono delle limitazioni parricolari e aggiuntive? ci possono essere differenze da comune a comune?


Il sorvolo di spiagge è di solito vietato durante i periodi estivi, così come specificato dall’art. 4.6 bis delle Regole dell’Aria (Regolamento ENAC del 23 aprile 2012) nel quale viene esplicitato che “eccetto quando necessario per il decollo e l’atterraggio su aeroporti costieri, dal 1° giugno al 30 settembre compresi non è consentito il sorvolo delle spiagge nel tratto compreso entro 100 m da entrambi i lati della linea di costa ad un’altezza inferiore ai 1000 ft. Tale prescrizione non si applica agli aeromobili di Stato e di soccorso” al di fuori da questo generale divieto imposto dalle Regole dell’Aria, di solito le Capitanerie di Porto competenti territorialmente per le spiagge interessate emettono Ordinanze volte a specificare e ad applicare nel dettaglio tale divieto di sorvolo che comunque è limitato per il periodo estivo, occorre inoltre verificare eventuali divieti di sorvolo specifici (parchi naturali etc.) che possono interessare l’area oggetto delle operazioni. Conclusivamente dunque, oltre alle limitazioni specificate, non vi sono particolari divieti di sorvolo per le spiagge oltre a quanto previsto in generale dal Regolamento ENAC.

3529 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: