Madonna di Campiglio: ENAC non aveva autorizzato il volo, “L’operatore aveva autonomamente deciso fosse non critica”. Aperta un’inchiesta

0

Abbiamo chiesto a ENAC dei commenti sul grave incidente del drone che per un pelo non investiva lo sciatore austriaco impegnato nelle prove dello slalom a Madonna di Campiglio. Ecco le risposte ufficiali dell’Authority aeronautica, che ha aperto un un’inchiesta e sospeso cautelativamente l’operatore. Al vaglio soprattutto l’analisi del rischio e la valutazione dello scenario, che secondo ENAC “appaiono configurare uno scenario critico” anche se era stato valutato dall’operatore stesso come non critico.
Alla conclusione delle indagini verranno presi i provvedimenti definitivi e pubblicate le cause dell’incidente.

DRONEZINE: L’operazione (apparentemente critica e notturna, da quel che ci è dato di capire dalle riprese) era effettivamente autorizzata da ENAC e con quali limitazioni?
ENAC: Per l’attività in questione, l’operatore non ha presentato all’ENAC domanda di autorizzazione per operazioni specializzate critiche. L’operatore ha valutato autonomamente che le stesse potessero rientrare tra le operazioni non critiche per le quali risulta iscritto nell’albo dell’ENAC.
DRONEZINE: l’Ente intende aprire un’inchiesta o prendere qualche provvedimento nei confronti di operatori e pilota?
ENAC: L’ENAC appena appresa la notizia ha provveduto a sospendere, in via cautelare, la dichiarazione resa dall’operatore per operazioni specializzate non critiche. Nel contempo è stata richiesta all’operatore tutta la documentazione utile a svolgere le indagini necessarie a determinare le possibili cause e l’eventuale non rispetto del Regolamento. Solo a conclusione dell’indagine verranno presi i provvedimenti definitivi.
DRONEZINE: Avete commenti sull’analisi del rischio resa dall’operatore, che a giudicare dai filmati pare notturna e, stando a quel che si capisce dalle immagini, direttamente sulla testa di atleti, senza cavi di ritenzione?
ENAC: L’analisi del rischio prodotta dall’operatore ​per questa specifica operazione ​è uno dei documenti che saranno maggiormente oggetto delle verifiche. ​I filmati e l’oggettiva situazione di rischio cui è stato esposto lo sciatore appaiono configurare uno scenario critico. Le valutazioni finali saranno comunque effettuate al ricevimento della documentazione richiesta.​
DRONEZINE: Avete ricevuto qualche relazione tecnica sulle cause dell’incidente?
ENAC: Come per qualunque incidente o inconveniente aeronautico, solo a conclusione delle indagini l’Autorità Aeronautica rende pubbliche le cause con lo scopo primario di apportare modifiche regolamentari, se necessario, e/o emettere informative tecniche/operative indirizzate agli operatori del settore, necessarie per migliorare la sicurezza delle operazioni.
DRONEZINE: Ritenete che quanto accaduto possa nuocere in qualche modo allo sviluppo dei droni civili in Italia?
ENAC: L’Ente ritiene che le indagini sull’incidente e i relativi provvedimenti (ad ​es. emendamento normativa, informative tecniche operative) possano portare a un miglioramento della sicurezza e, parimenti, ​dare modo agli Operatori che operano secondo gli attuali standard di poter sviluppare la loro attività con beneficio del settore. Nel settore dell’Aviazione ogni incidente/inconveniente porta a determinazioni che mettono nelle condizioni di minimizzare le possibilità di ripresentarsi: questo criterio ha sempre giovato alla aeronautica tradizionale sia in termini di sicurezza, sia in termini dello sviluppo economico. In tal senso si ritiene che singoli eventi non determinino di principio nocumento allo sviluppo dei droni in Italia.​
6747 visite



Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: