Typhoon H, Yuneec sfida DJI sui droni prosumer, con un esacottero potente e molto economico

0

Insieme al tuttala Parrot Disco, l’esacottero Yuneec Typhoon H è la vera grande novità del CES di Las Vegas in tema di droni (vabbé, a parte l’improbabile  Ehang 184 per trasporto persone), e sancisce la sfida a tutto campo di Yuneec verso DJI, che si spinge anche nel ricco mercato dei droni professionali, oltretutto con un prezzo decisamente interessante, 1,799 dollari (listino USA), quindi  addirittura inferiore di un terzo rispetto all’Inspire 1, pur offrendo decisamente di più e puntando decisamente a tagliare sostanziose fette di mercato al DJI S900, che costa il doppio secco.

La formula scelta è quella dell’esacottero, in fibra di carbonio, che secondo Yuneec addirittura consentirebbe al nuovo Typhoon di atterrare senza ben due motori, un bel passo avanti per la sicurezza, visto che come purtroppo ben sappiamo nessun quadrirotore è in grado di sopravvivere alla perdita di un propulsore (o di un’elica, il che è esattamente o stesso). Come tutti i droni di questa classe, il Typhoon H ha il carrello retrattile, e tutti gli automatismi possibili e immaginabili: Orbit Mode (il drone gira intorno al soggetto da riprendere), Point of Interest, Curved Cable e Journey Mode (il drone si fa un giro per waypoint ma tenendo sempre il soggetto al centro della ripresa) . Non mancano i sensori di prossimità a ultrasuoni per l’hovering di precisione a bassa quota e il riconoscimento degli ostacoli. Una volta ripiegato è davvero piccolo, solo 309x270x255 mm, tanto da poter essere infilato senza problemi in uno zaino di dimensioni un po’ generose, fornito in dotazione.

yuneec-typhoon-h-07Si comanda con il controller (fornito con la macchina) ST16, basato su Android, che ha 16 canali e uno schermo a 7 pollici con cui ricevere anche il video di ritorno, senza dover usare un cellulare (che poi qualcuno trova sempre modo di telefonare proprio mentre si sta pilotando, come ben sappiamo).
Per confronto, la st24 del tornado H920 (ben più grande e costoso) è 24 canali display 7 pollici e l’entry level q500 ha st10 che è 10 canali con display 5,5 pollici.

La camera è anch’essa nuova, la CGO3+, ma non è nulla di incredibilmente innovativo, è la “solita” 4k con immagini fisse a 12 megapixel, con possibilità di ruotare di 360°. Ottima ma nulla di paragonabile alla Zenmuse X5R che i fotografi dal palato fine montano sugli Inspire 1. Ma d’altronde Yuneec punta sul prezzo: “Abbiamo ingegnerizzato il Yhphoon H per ridefinire quel che gli utenti possono aspettarsi da un drone di questo prezzo” dicono in Yuneec. “A questo prezzo, nessun altro drone arriva nemmeno vicino al Typhoon H in termini di capacità e valore”.

Per intanto la piattaforma Yuneec si è dimostrata molto espandibile, tant’è che è stata scelta da Intel per dimostrare le capacità delle sue telecamere RealSense per un volo automatico con l’evitazione degli ostacoli.

La nostra pagella:

Rapporto qualità prezzo ♥♥♥♥♥
Camera ♥♥♥♠♠
Radio ♥♥♥♥

Per le altre valutazioni,a spettiamo di poterlo provare per voi

6784 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: