La nuova casa la cerco con il drone

0

Niente più girotondi per le città e interminabili ricerche su internet o sui giornali: entro il 2025, chi cercherà una nuova casa utilizzerà un drone e gli occhiali per la realtà virtuale. E’ questa la previsione (nemmeno troppo futuristica) immaginata da easyProperty e The Future Laboratory, che hanno condotto uno studio per capire quando e come cambierà il mercato immobiliare.

IVirtualReality potenziali acquirenti saranno in grado di visitare il quartiere senza metterci piede, grazie alle immagini registrate con i droni e i visori per la realtà virtuale. Strumenti che, ovviamente, accompagneranno il cliente passo passo anche all’interno dell’abitazione. I big data faranno il resto, mettendo a disposizione degli interessati informazioni sulla zona: tasso di criminalità, servizi pubblici, qualità dell’aria ed età media del quartiere.

Come detto, però, non ci voleva Nostradamus per arrivare a questa ipotesi: esistono già diverse agenzie immobiliari che utilizzano i Sapr non solo per mappare l’area dell’abitazione in vendita, ma anche per realizzare video emozionali che possano scaldare il cuore (e aprire il portafoglio) all’acquirente.
Anche in Italia, dove già un anno fa la startup Immodrone lanciò questo servizio limitandosi agli immobili di pregio, oppure l’agenzia Immobiliare Lardi di Fanano, che si concentrò anche sui casolari presenti sulle colline dell’Appennino modenese.

925 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: