Micro droni sempre più potenti e sicuri: provate a farvi male con questo!

0

C’era da aspettarselo, le regole della FAA americana che liberalizzano i droni sotto i 250 grammi e penalizzano pesantemente tutti gli altri sta portando a una ondata di proposte interessanti nel settore micro, che n Italia possono essere usati per lavoro anche in città senza patentino e senza visita medica. Tra le proposte più intriganti segnaliamo la Hover Camera di Zero Zero Robotics, startup cinese che bada alla praticità e alla sicurezza: le eliche sono ingabbiate in un frame di carbonio che rende praticamente impossibile riuscire a farsi male con uno di questi aggeggi (en passant, ricordiamo che se usati come SAPR, quindi per lavorare, anche in Italia i micro droni per legge devono avere la protezione delle eliche, altrimenti anche per loro serve patentino, visita medica e tutto il resto della burocrazia ENAC),

Il bello non è solo questi, ma anche il fatto che può essere ripiegato per ottenere ingombri davvero minimi, tipo libro tascabile, una grande comodità per chi deve sempre portarsi dietro un drone pronto al volo, per esempio i giornalisti volanti.

Contrariamente ai “soliti” giocattoli sotto i 250 grammi, il gioiellino cinese ha quattro motori brushless, che sono più affidabili, duraturi, efficienti e potenti dei “classici” motori a spazzole dei toys, e un flight controller di tutto rispetto, basato sui processori Qualcomm SnapDragon 801, per capirci quelli che equipaggiano smartphone e tablet.

E finalmente anche la parte video è allo stato dell’arte: foto a 13 megapixel e filmati 4k, con gimbal a un solo asse per gestire il pitch della ripresa ma in compenso con la stabilizzazione digitale dell’immagine, un po’ come fa il BeBop Parrot. Il ritorno video è WiFi a 720p, il che è un peccato perché a noi piace molto di più il ritorno analogico a 5,8 GHz, che non ha ritardi o latenze.  Non mancano i sensori per la gestione della quota, fondamentali per riprese professionalmente accettabili. Purtroppo non  esiste una radio, si pilota con la app per smartphone. Anche  questa è una cosa che ci piace poco (qualcuno che ci telefona proprio mentre stiamo volando lo si trova sempre). Anche il costo, stimato in 600 dollari, non ci sembra eccessivo: la macchina è attualmente in beta, e non è dato di sapere quando arriverà sul mercato. Infine l’autonomia, anch’essa interessante: otto minuti con una singola batteria.

Gallery




4866 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: