D Challenge contest di drone making a Modena

0

C’è tempo fino al 15 settembre 2016 per partecipare alla prima competizione tricolore under 19 per sviluppatori di droni, occasione unica per formare le nuove competenze professionalità in un mercato dal futuro importante. I tre vincitori saranno scelti e premiati durante Dronitaly 2016, in programma a Modenafiere il 30 settembre-1 ottobre, che, con la novità dell’AREA FUN, si presenta al pubblico come la kermesse di droni più completa mai realizzata in Italia.

I droni non sono solo il nuovo hobby degli italiani ma anche una concreta e già attuale possibilità di lavoro. Dronitaly 2016, che da quest’anno unisce l’aspetto ludico a quello professionale, pensa anche ai dronisti “di domani” e, in coincidenza con la fine dell’anno scolastico, lancia “D CHALLENGE“, il primo contest italiano riservato agli studenti delle scuole secondarie.

Lo scopo è mostrare ai ragazzi che i droni sono sì un hobby fantastico e ad alto tasso di innovazione, ma anche una reale opportunità di lavoro per il futuro, che richiede tante nuove competenze, dall’elettronica all’informatica, fondamentali per lo sviluppo di tutto il settore, sia hobby che pro. In quest’ottica, il “D CHALLENGE” arriva al momento e al posto giusti: i partecipanti, singoli o in team di massimo 3 studenti della scuola secondaria tra i 14 e i 19 anni d’età e guidati da un docente, potranno inviare entro il 15 settembre 2016 le loro proposte di applicazioni pratiche per l’utilizzo di aeromobili a pilotaggio remoto.

I 10 migliori progetti, scelti da una giuria nominata dall’organizzazione, parteciperanno a Dronitaly, dove verranno presentati al pubblico e agli esperti. I tre vincitori verranno scelti e premiati durante la manifestazione dopo una dimostrazione pratica. Su una apposita sezione del website di Dronitaly è possibile consultare le modalità complete e il regolamento di partecipazione.

Dronitaly, che sarà a ModenaFiere il 30 settembre-1°ottobre 2016 con il nuovo slogan “The Pro&Fun Drone Show”, in occasione del suo terzo appuntamento si presenta raddoppiato: accanto all’AREA PRO, dedicata agli impieghi professionali dei droni con un ricco programma convegnistico, apre i battenti per la prima volta anche l’AREA FUN per hobbisti, aeromodellisti, sviluppatori, ragazzi e appassionati con stand dei produttori/distributori di droni consumer e numerose iniziative speciali, affiancate da una sezione dedicata a maker, sviluppatori e università (LA FUCINA). A completare le novità, oltre al “D Challenge” un’area speciale per gli under 14 (IL VIVAIO) e, per finire, gare e voli dimostrativi nel più grande circuito di volo indoor mai realizzato in Italia (L’ARENA).

Il motivo della nuova presenza dei droni hobbistici a Dronitaly lo spiega Fabrizio De Fabritiis, CEO della società organizzatrice: “La diffusione dei droni per uso ludico, i cosiddetti “droni giocattolo”, è sotto i nostri occhi. Le aziende che hanno affiancato il canale professionale e quello ludico-hobbistico hanno certamente un maggior numero di opportunità di riuscita. Per questo abbiamo ampliato la manifestazione inserendo, accanto all’area PRO, un’area FUN”.

A dimostrazione del fatto che il mercato dei droni italiano sta vivendo un fermento notevole, nonostante le criticità, tra cui la complessa applicazione del Regolamento Enac, gli organizzatori di Dronitaly sono lieti di comunicare che è già stato venduto il 65% della superficie espositiva della passata edizione, a conferma che le aziende del settore riconoscono l’importanza di essere presenti a una manifestazione di riferimento nazionale dove venire a contatto diretto con i propri clienti oltre che intercettare i nuovi trend di mercato.

655 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: