Un drone contro il bracconaggio in Namibia

0

SAMSUNG CSC

Il parco nazionale Etosha in Namibia, ha ricevuto il primo drone per il controllo del braconaggio comandato con successo da un pilota certificato.

Il sistema di volo autonomo UAS consiste in un aereo da 2,6 metri di apertura alare modello SurVoyeur mk-II con due camere, di cui una ad infrarossi munita di gimbal ed una da 18 mega pixel con video downlink. Il SurVoyeur è in grado di volare per oltre 60 minuti ad una quota di 1500 metri in completa autonomia entro un range di 20Km.

SAMSUNG CSC

I test sono stati eseguiti per 4 giorni da Gabriel Shatumbu che tra l’altro è un vero pilota civile, grazie alla ground station con antenne direttive con auto tracking (inseguimento e puntamento del velivolo) al fine di ottenere sempre il massimo segnale video e data link.

Con buone probabilità il parco arriveà a completare la flotta aggiungendo altri due velivoli, una volta verificato che il drone UAS sia di reale ausilio alle attivià di monitoraggio nelle aree critiche,

1875 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: