Il sesto volo del Boeing Phantom Eye, il drone dei record

0

boeing

Il ricognitore strategico della Boeing, Phantom Eye, è progettato per volare giorni di fila ad altissima quota, alimentato da un enorme serbatoio di idrogeno che fornisce il carburante per i motori. Secondo le specifiche del progetto deve stare in aria quattro giorni di fila volando a poco meno di 20 mila metri d’altezza (65 mila piedi). Ma finora non ha dimostrato granché delle sue capacità, il sesto volo di prova, effettuato nei giorni scorsi dalla base Edwards in California, si è risolto in sole cinque ore di crociera. Il che significa che è andato molto meglio del volo inaugurale, quello del primo giugno 2012, finito con un atterraggio talmente duro da rompere il carrello.
Il Boeing ha un’apertura alare di 46 metri, come quella dell’aereo da trasporto civile Boeing 767,  ma un carico utile molto scarso, poco più di 200 km/h, sufficiente comunque per metterci i sensori e le telecamere di cui ha bisogno per le sue missioni.

2424 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: