Software fai-da-te per l’atterraggio visuale dei droni

0

drone-visual-landing

Uno studente universitario modifica un firmware open source per permettere al proprio drone quadrirotore di identificare una area di atterraggio e centrarla con precisione.

Per la tesi universitaria, uno studente ha realizzato un progetto particolare, ” per permettere al proprio quadricottero di atterrare automaticamente e con precisione esattamente sul punto prescelto, segnalato con appositi marker.

Partendo da una base del firmware proveniente dalla piattaforma AeroQuad e aggiungendo diversi script in Pyton congiunti al software OpenCV, usando Arduino per i calcoli computazionali e grazie al filtro di Kalman, il risultato ottenuto è quello del video seguente.

Oggi siamo abituati a vedere certi risultati, forse perché abituati dalle performance del giocattolo per i “diversamente bambini” per eccellenza; parliamo il primo drone consumer prodotto in massa e introdotto un po’ in sordina nel panorama hobbystico internazionale, l’ Ar Parrot v1: il primo quadricottero ludico con tecnologie veramente all’avanguardia, e parliamo di tre anni fa, che faceva tra l’altro proprio la stessa cosa che vediamo in questo video. Ma non dimentichiamoci che dietro agli studi e alle innovazioni spesso ci sono giovani capaci e intraprendenti che sviluppano idee e portano avanti progetti che potrebbero apparire strampalati e stravaganti, ma che spesso portano a vere e proprie innovazioni in tutti i campi.

Un applauso a Pål Møst, utente della comunità internazionale DIY Drones.

2671 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: