Flyaway costosissimo: l’esercito USA perde un drone da un milione e mezzo

0

Il flyaway è quella temutissima avaria in cui il drone se ne va per i fatti suoi senza più sentire i comandi della radio. E non capita solo ai nostri piccoli droni, l’esercito Usa ha smarrito così un drone Shadow del valore di un milione e mezzo di dollari

Schermata 2017-02-04 alle 01.21.16Dove mai sarà finito lo Shadow dell’esercito americano? Nessuno lo sa, per fortuna l’incidente è capitato in un posto particolarmente sperduto, Fort Huachuca, che si trova nella Contea di Cochise, nel sud dell’Arizona, a 15 chilometri dalla frontiera con il Messico.

Il drone, uno Shadow, ha perso il contatto con la ground station e se ne è andato per gli affari suoi, finendo chissà dove, al momento i militari non ne hanno la minima idea. Verosimilmente nessuno se l’è preso in testa, avrebbe fatto davvero male visto che si tratta di un aeromodellone  da 170 chili, con quattro metri di apertura alare, che vola a 200 chilometri all’ora. E, sfortunatamente per l’esercito, ha ben nove ore di autonomia, quindi può essere davvero finto chissà dove nel raggio di mille chilometri. Un consiglio all’eswecit americano: ma metterci un terminatore no, eh?

HerkcollisionNon è la prima volta che gli Shadow sono coinvolti in incidenti: nel 2011 i Afghanistan un esemplare è finito contro un aereo cargo Hercules C-130, costringendolo a un atterraggio d’emergenza, con un ala e due motori danneggiati (nella foto si vede il bordo d’entrata dell’ala sfondato dalla botta), mentre il drone è andato in mille pezzi. Per la cronaca, la colpa era dell’aereo, decollato senza aspettare il via libera della scalcinata torre di controllo afgana, non del drone. Nel 20154 un altro Shadow è precipitato vicino a una scuola elementare in Pennsylvania. Nessuno si è fatto male, anche il drone a terra non aveva troppi danni, ma è stato stritolato da un camion che l’ha sfasciato completamente, proprio come un Phantom qualsiasi caduto in strada.

 

2344 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: