Il drone agricolo DJI Agras MG-1 a FTO Remotefly

0

La società di Padova FTO REMOTEFLY Srl, tra i primi Operatori italiani riconosciuti e, dal Settembre 2014, prima scuola certificata da ENAC in Italia per piloti APR (Aeromobili a Pilotaggio Remoto), ha preso in consegna il primo APR DJI AGRAS MG-1, sviluppato da DJI per impieghi in agricoltura di precisione.

FTO REMOTEFLY è da anni in prima linea nelle Operazioni Specializzate nel settore
dell’agricoltura di precisione ed ispezioni tecniche, con una flotta di 12 mezzi APR e 6 piloti oltre a personale tecnico di supporto; con questo importante investimento, destinato al mercato estero dove la società italiana ha deciso di espandersi (la prima base operativa straniera sarà inizialmente in Centro America), l’azienda padovana si pone ai vertici degli Operatori italiani per numero di mezzi, piloti e struttura.

Il sistema DJI AGRAS MG-1 è un drone nato e concepito per l’impiego intensivo nel settore
agricolo ed è stato consegnato in Italia con il supporto del distributore DJI Enterprise autorizzato, AERMATICA3D, specializzato nelle Soluzioni Drone per l’Agricoltura, con il quale FTO REMOTEFLY ha un legame storico di collaborazione commerciale ed operativa.

fto-remotefly-con-drone-agricolo-dji-agras-mg1

“La nostra azienda – commenta Federico Conforto, CEO di FTO REMOTEFLY, – è cresciuta
rapidamente dal 2014, prima con il training con circa 1500 piloti di APR formati ad oggi in stretta collaborazione con la scuola di volo professionale per piloti di linea “FTO PADOVA”; poi con le Operazioni Specializzate ad alto valore aggiunto, sia critiche che non critiche.
Il nostro modello di business è basato sugli esempi di aziende come le inglesi Sky-Futures e
Cyberhakw che puntano ad alti livelli professionali sia del personale (piloti/osservatori) e dei mezzi impiegati; inoltre, grazie a partnerships e progetti integrati con strutture istituzionali come l’Università di Padova con cui collaboriamo da anni, non trascuriamo l’alto contenuto tecnologico che questo settore richiede per lo sviluppo di interessanti ed efficaci supporti applicativi.

Insomma un sistema integrato, una filiera di conoscenze ed esperienze che ci consentirà una sempre più diffusa capillarzzazione dei servizi anche in altri Paesi nel mondo.
Il mercato estero, specie nei territori ad alta densità agricola, è un bacino ideale per estendere le nostre capacità ed esperienze operative e prevediamo nei prossimi 2 anni di aprire sedi in altri Paesi in forte via di sviluppo, oltre a continuare il nostro lavoro in Italia puntando a rafforzare la presenza in questo settore (da poco è operativa anche una sede a Como in Lombardia).”

2198 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: