Alpagu il drone suicida turco per le truppe di terra

0

La ricerca di armamenti in campo militare non si ferma e anzi è sempre più spesso orientata ad utilizzare velivoli autonomi o semi autonomi, pilotati remotamente. Quelli che oramai come gergo comune e più che mai in questo campo sono giustamente denominati droni.

Alpagu è un drone kamikaze, ovvero può essere utilizzato per missioni di sorveglianza aerea dalle truppe di terra, ma alla bisogna trasformarsi in un ordigno bellico, una specie di missile in grado di colpire un bersaglio.

E’ stato presentato al  13 ° International Defence Industry Fair avvenuto ad Instanbul dal 7 al 9 maggio appena trascorsi, da STM Engineering Technology Consultancy per l’esercito turco.
Il drone Alpagu è un velivolo comandato remotamente che in versione trasportata occupa lo spazio di un piccolo mortaio quadrato. Al suo interno con le 4 ali ripiegate risiede il piccolo aeroplano che verrà lanciato con un sistema a catapulta pneumatica.

alpagu-drone-militare-turco-mostra-instanbul
Appena fuori dal guscio contenitore, dispiega le ali e grazie alla propulsione elettrica posteriore inizia a volare comandato da una ground station di tipo militare, che mostra le immagini di quanto viene ripreso dalla telecamera di bordo e permette ai soldati di terra di pilotarlo e dirigerlo eventualmente verso un target.

drone-suicida-alpagu-per-esercito-turco

Le caratteristiche dichiarate dal costruttore del drone suicida Alpagu, lo classificano come drone trasportabile e utilizzabile da truppe di terra in ricognizione o in avamposto:
dimensioni 125×65 centimetri
peso 3,7 kilogrammi
autonomia 10 minuti
altezza massima 400 metri
range di controllo 5 kilometri
velocità massima 80 km/h
Utilizzabile sia di giorno sia di notte e da un solo uomo.

In sostanza il drone Alpagu, risulta essere come un piccolo aeromodello, ma con caratteristiche letali.

1925 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: