Droni e SAPR nel Building Information Modeling

0

I droni civili i SAPR, possono essere utilizzati con successo in molti campi. I rilevi aerei ottenuti grazie all’utilizzo di sensori sempre più leggeri e performanti consentono applicazioni impensabili sino a qualche anno fa. Nella fattispecie, potremmo azzardare che oltre al “drone agricolo” possa tranquillamente esistere anche un “drone muratore” se impiegato nel settore delle costruzioni.

BIM è l’acronimo di “Building Information Modeling” ovvero, un modello di informazioni di un edificio definito dal National Building Science come la “rappresentazione digitale di caratteristiche fisiche e funzionali di un oggetto”. Il BIM quindi, non è classificabile come un prodotto o un software, bensì rappresenta un contenitore di informazioni sull’edificio in cui è possibile inserire dati grafici e specifici attributi tecnici, anche relativi al ciclo di vita previsto.
(vedere la definizione di BIM su WiKiPedia)
Questa metodologia sta andando sempre più ad affermarsi grazie ai vantaggi riconosciuti anche in termini economici e finanziari, una rivoluzione digitale che sta attraversando il settore delle costruzioni. Il BIM, essendo già radicato nelle fasi di progettazione e costruzione, è inevitabile che venga adottato anche nella fase successiva di gestione e manutenzione, rendendo più efficiente, economico e trasparente il modo in cui i patrimoni verranno gestiti.
Il BIM è vantaggioso per ogni tipo di progetto, sia esso inserito nel settore pubblico o privato, e per ogni tipo di immobile (ospedali, edifici commerciali, edifici residenziali etc.).
Il costo per la creazione di un modello BIM è nettamente inferiore alla creazione e gestione di un sistema basato su planimetrie 2D. Utilizzare il BIM consente l’inventario e la localizzazione dei componenti dell’edificio e degli asset tecnologici in modo univoco e tracciabile. Le attività di Operation and Maintenance sono molto facilitate utilizzando le informazioni provenienti dal modello BIM.

biim-building-information-modeling
L’impiego di queste nuove tecnologie per il rilievo, permette di agire in modo economico e preciso sulla digitalizzazione degli asset. Tale processo è applicabile ad immobili civili, commerciali ed industriali oltre che a grandi opere e infrastrutture, permettendo di gestire in modo preciso e dettagliato le seguenti informazioni:
· Asset management
· Stato di fatto di un’immobile per perizie rapide e puntuali
· Misure e volumi di aree per quantifica dettagliata di interventi di manutenzione e conservazione
· Catalogazione e classificazione dei materiali da costruzione (fornitore, produttore, modello, certificazioni in essere)
· Catalogazione e classificazione di impianti e tubature
· Catalogazione e classificazione di impianti tecnologici: fornitore, manutenzioni periodiche, certificazioni varie
· Aggiornamento dei dati topografici e delle informazioni catastali
· Immagini georiferite ad altissimo dettaglio per riscontro di anomalie

Nella creazione dello stato di fatto di un immobile o di un’area, risultano elementi fondamentali sia la precisione che la velocità di acquisizione delle informazioni necessarie allo svolgimento di tale attività. Grazie all’utilizzo del drone, alle performance di volo e alla sensoristica evoluta che i mezzi Italdron sono in grado di trasportare, le tempistiche di acquisizione risultano ridotte al minimo. Questo fa sì che gli eventuali fermi impianto programmati (nell’industria), o l’accesso all’area in cui sono presenti clienti (ambito commerciale) o operai (ambito stradale e territoriale), risulti il meno invasivo possibile.

Grazie all’utilizzo del drone è possibile pianificare la missione (oggetto di rilievo) nella propria sede o nel proprio ufficio, per poi arrivare in loco già pronti per l’esecuzione della commessa.

Le fotografie scattate dallalto con risoluzioni da 36 o 42 mpx  rendono possibile un elevato dettaglio finale, come ad esempio la ricostruzione fotogrammetrica di impianti in copertura (di difficile o rischioso accesso pedonale), eventuali fessurazioni o ammaloramenti in copertura (non sempre accessibili per vie pedonali, e la matematica finale rimane sempre congrua con elevati standard di precisione centimetrica.

Lo stato di fatto, ricostruito come Mesh texturizzata o Nuvola di Punti, può essere importata come riferimento esterno in programmi CAD, per poi essere utilizzata come linea guida di una vettorializzazione, con attributi e catalogazione di famiglie in ambito BIM. Questo risulta fondamentale per la gestione e la valutazione dell’asset immobiliare in quanto gli oggetti presenti nel disegno hanno delle proprietà e delle informazioni al proprio interno che possono essere interrogate dall’operatore ed essere collegate al software di gestione patrimoniale immobiliare.

791 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: