Giappone, regole più severe per i droni in presenza di folle

0

Il Giappone prevede già delle regole piuttosto rigide sull’uso dei droni ricreativi in aree affollate. I piloti, in casi come questo, devono richiedere un’autorizzazione specifica, dimostrando di avere comprovata esperienza di volo, e devono aderire a precisi standard di sicurezza. Nello stesso tempo, però, il Giappone ha dimostrato di comprendere appieno il potenziale di quella che alcuni ministri nipponici chiamano “La quarta rivoluzione industriale”, ossia la tecnologia dei droni, perciò il governo ha sempre lavorato per garantire a produttori ed operatori la massima flessibilità per sviluppare al meglio il potenziale dei droni, soprattutto all’interno di specifiche aree del paese (un po’ come i Test Site previsti dalla FAA negli USA).

Il quadro così ben organizzato sembra però destinato ad essere presto stravolto da nuovi e più stringenti regolamenti, soprattutto per quanto riguarda l’uso dei droni in presenza di assembramenti di persone. Il tutto è dovuto a un incidente avvenuto lo scorso novembre a un evento outdoor nella città di Gifu, durante il quale sono rimaste ferite 3 persone. In quel caso il drone, che non era di un privato ma dell’organizzazione, distribuiva caramelle ai presenti, purtroppo però all’improvviso ha perso stabilità ed è precipitato tra la folla.

Naturalmente la normativa giapponese già vieta il sorvolo degli assembramenti di persone, ma l’accaduto ha convinto il ministro del turismo, delle infrastrutture e dei trasporti nipponico a rafforzare gli standard di sicurezza nelle aree in cui si raccolgono le persone. Secondo alcune indiscrezioni potrebbe venire stabilita per legge la distanza alla quale i droni devono mantenersi dagli spettatori, un fattore che sarebbe legato ad elementi come altezza di volo, grandezza dell’evento, etc. Un provvedimento che sembra interessare una fattispecie molto precisa, ma non è da escludere che abbia un’eco in grado di coinvolgere anche altre situazioni collegate ai droni. Nel frattempo che i nuovi regolamenti diventino effettivi, inoltre, il ministro ha espressamente richiesto agli operatori che lavorano in occasione di eventi di adottare misure di sicurezza come cavi vincolati, o barriere fisiche (ad esempio reti) per tutelare il pubblico.

996 visite
Commenta:

Segui DronEzine sui social: