Se la guerra dei dazi minaccia i droni in USA (e non solo)

0

Circa un mese fa il governo americano ha ufficialmente aumentato del 25% i dazi su alcuni prodotti di importazione cinese. E così, sui principali shop di droni e accessori, il costo di alcune componenti come motori brushless, antenne, batterie LiPo, etc, ha subito degli inevitabili aumenti. Non solo, perché l’aumento dei dazi doganali, uno dei capisaldi del pensiero di Trump, investirà presto altri prodotti di importazione (ulteriori categorie merceologiche sono sotto esame per aumenti previsti a settembre).

E se nell’immediato queste misure possono dare l’illusione di tutelare i prodotti made in USA, in realtà rappresentano un colpo significativo al portafogli di tanti appassionati di droni americani e minacciano seriamente lo sviluppo futuro del mercato (non solo consumer) statunitense.

Alla lunga, infatti, lasciare che i dazi doganali si occupino di riempire il gap competitivo oggi esistente con i giganti cinesi non farà che accentuare le difficoltà dell’industria americana nello sviluppo di soluzioni al passo coi tempi, rendendo i prodotti americani ancora meno appetibili nel resto del mondo. Questo nel caso in cui gli altri Paesi scelgano di mantenere invariate le loro politiche sui dazi, perché se così non fosse, l’atteggiamento degli USA potrebbe innescare una pericolosa guerra al rialzo fatta di ritorsioni a catena, che potrebbe investire anche l’Europa e costare al mondo intero miliardi di dollari di aumenti, con la beffa di lasciare di fatto quasi inalterati gli attuali rapporti di forza (così tanto cari a Trump).

Per questo negli States le piccole associazioni hanno iniziato a farsi sentire, per tentare di convincere l’amministrazione a rivedere le sue posizioni. In particolare, le community più attive sono quelle dei piloti FPV, le cui evoluzioni portano all’estremo la resistenza dei pezzi dei piccoli droni racer, che di conseguenza hanno costante bisogno di pezzi di ricambio e sono quindi tra gli utenti più colpiti dagli aumenti dei dazi.

649 visite
Commenta:

Segui DronEzine sui social: