ENAC approva l’aerofotogrammetria di Terradat

0

Studio di Ingegneria Terradat,  da più di 15 anni di attività nel settore geomatico, è stato da ieri incluso nell’elenco degli Operatori Riconosciuti da ENAC in base alla Dichiarazione di Rispondenza al Regolamento ENAC “Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto”, e risulta quindi da oggi pienamente operativo nell’ambito delle operazioni specializzate non critiche condotte tramite SAPR con finalità di esecuzione di riprese aerofotogrammetriche.
IMG_5623Lo Studio di Ingegneria Terradat è pertanto il primo operatore autorizzato ad operare in Italia con un sistema ad ala fissa.
A ben vedere, ad oggi è anche il primo operatore “puro” (escludendo quindi i costruttori di sistemi SAPR) autorizzato ad operare senza l’utilizzo di vincoli fisici esterni (cavo di ancoraggio, o altro dispositivo fisico, per limitare il raggio di azione del mezzo).

Nonostante il Regolamento ponga comunque limiti operativi molto stringenti (volo limitato al volume V70: max. 70 m di altezza dal suolo e max. 200 m di raggio rispetto alla base station del sistema) e a nostro parere in alcuni casi eccessivi, soprattutto per la categoria dei micro-UAV a cui appartiene il sistema Terradat, il riconoscimento da parte di ENAC premia lo sforzo compiuto dall’azienda  in questi mesi e permette loro di tornare ad essere disponibili verso un mercato che deve ancora strutturarsi in modo stabile ma che già negli anni scorsi ha dato importanti soddisfazioni.

2288 visite
Commenta:

Segui DronEzine sui social: