Svizzera: nuove regole per i droni civili e militari

0

Anche la Confederazione si da le regole per i droni, anche più restrittive di quelle italiane. Dal primo agosto tutti, professionisti e hobbysti che usano droni pesanti più di 500 grammi  dovranno essere assicurati per un minimo di un milione di franchi, cioè 800 mila euro circa, esattamente quanto ENAC richiede ai professionisti italiani (mentre da noi gli hobbysti possono anche volare non assicurati, seppure sia da incoscienti, visto che un’assicurazione hobbystica ai soci di DronEzine costa solo 35 euro all’anno).

In Svizzera i droni non potranno volare, senza autorizzazione, sopra o nel raggio di 100 metri da un assembramento di persone (quindi qualunque manifestazione o simile); senza autorizzazione è vietato il volo FPV (cioè senza contatto visivo). Non si può volare a meno di 5 chilometri da un aeroporto e naturalmente vige il codice sulla privacy. E anche i droni militari hanno regole piuttosto bizzarre: il quotidiano Ticino Online scrive che “anche i droni dell’Esercito, se volano di giorno devono sempre essere accompagnati: Un aereo o un elicottero li segue con un pilota ‘di riserva’ a bordo. Solo nelle missioni notturne, con il cielo libero, i piloti dell’Esercito possono sbizzarrirsi”.

Nell’immagine, uno UAV militare di costruzione israeliana valutato dall’esercito elvetico.

2671 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: