Sistemi inerziali in assenza di gps inventati in Italia

0

Si chiama navigazione inerziale ed è un sostituto alla perdita del segnale GPS.

Molti costruttori di sistemi di navigazione sono continuamente alla ricerca di sistemi alternativi per sopperire alla mancanza temporanea del segnale radio proveniente dai satelliti (glitch) o a causa della orografia del terreno particolarmente limitante (barriere naturali, montagne, palazzi alti).

Le soluzioni possono essere diverse: o sistemi con doppie o triple antenne GPS oppure la strada attualmente intrapresa consiste nel abbinare sensori inerziali (accelerometri ed in alcuni casi giroscopi) alle antenne satellitari.

Alcune aziende producono espressamente dispositivi di questo tipo altre sono delle vere e proprie startup con target specifici.
Con il termine start up automaticamente pensiamo ad aziende americane composte da “nerd” appena usciti dal MIT,  ma anche in Italia c’è parecchio fermento.

Civitanavi una giovane azienda marchigiana nasce proprio con questo scopo e focalizza il proprio business su dispositivi il cui uso può essere di particolare beneficio ai droni civili in particolar modo marittimi.
Vende quasi solamente all’estero, ad aziende del settore minerario, dell’ingegneria civile e dell’oil & gas.
“Stiamo anche per far partire un progetto nazionale con il ministero della difesa. I nostri prodotti non sono applicabili solo al campo marittimo, ma possono essere utilizzati anche nell’aeronautica e nel sottosuolo, dove il campo magnetico è distorto”
dice Andrea Pizzarulli  uno dei due soci fondatori.

“Facciamo sistemi per cercare il nord vero, il nord geografico. Garantiamo l’orientamento anche nei casi in cui il gps non sia affidabile . Le nostre tecnologie sono innovative perché utilizziamo sensori a basso costo, ma molto accurati, come quelli che si possono trovare anche all’interno dell’iPhone. Inoltre costruiamo giroscopi in fibra ottica, con interfacce di ultima generazione che si connettono via wireless”, prosegue il Ceo.

Sul sito ufficiale è presente una sezione IMU in attesa di sviluppo, potrebbe trattarsi di sensori da utilizzare anche in campo aereo, rimaniamo in rotta, pardon sintonizzati.

 

 

1598 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: