Droni italiani in volo verso gli Oscar

0

La speranza è che possa avere la stessa fortuna de “La Grande Bellezza”, il film di Paolo Sorrentino vincitore agli Oscar 2014, ma “Il capitale umano”, di Paolo Virzì, in lizza quest’anno per il premio, vanta già un record: è la prima produzione italiana ad aver impiegato una unit di droni, con cui ha girato molte scene.

“L’idea è stata proposta al regista dopo che la sua produzione ci ha testato mettendoci alla prova. Virzì è rimasto così entusiasta delle potenzialità dei droni da farci diventare una nuova unità del film con carta bianca per girare molte scene” – commenta Orlando Salmeri, CEO e cofounder di Olafilm, startup cinematografica che ha messo al centro del suo business i velivoli unmanned.

L’uso dei droni è rivoluzionario per il cinema, come per molte altre attività. Rende la creatività istantanea: tu immagini un’inquadratura e un minuto dopo la stai facendo; il drone rende tutto più semplice a condizione che venga usato in maniera efficace“.

Salmeri racconterà la sua esperienza sul set e gli altri suoi progetti con i droni nel convegno di Dronitaly in programma il 25 ottobre, “Riprese e fotografia con i droni“. Insieme a esperti di privacy e assicurazione verrà fatto il punto sull’impiego dei SAPR, Sistemi Aerei a Pilotaggio Remoto o droni, con approfondimenti e case history esemplificativi.

1342 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: