Regolamento ENAC, i cambiamenti spiegati dal ing. Delise

0

Scade il 20 aprile il termine ultimo  per presentare i commenti alla nuova bozza del regolamento per i SAPR emanata da ENAC il 19 marzo ultimo scorso. Alcune associazioni di settore si stanno muovendo anche al di fuori delle proprie mura per instaurare un dialogo nei confronti del Ente.

La Federazione Italiana Aeromobili a Pilotaggio Remoto, in previsioni dei prossimi incontri con i vertici dell’Ente Nazionale Aviazione Civile, allarga le maglie e concede non solo ai propri soci, ma anche a tutta la folta platea di professionisti interessati, la possibilità di far sentire la propria voce.

Propone quindi due iniziative: un sondaggio per conoscere quali sono i numeri dei potenziali soggetti interessati alla filera dei droni, i cosiddetti APR e una raccolta firme al fine di dare mandato alla associazione per adottare tutte le misure necessarie ad uno sviluppo economico del settore con leggi meno vincolanti. Entrambe le azioni vanno completate entro il 6 aprile 2015.

Lo scorso week end a Ferrara in occasione del Ferrara Drone Show, l’ing. Riccardo Delise, è stato incaricato da ENAC di dare qualche spiegazione sulla nuova bozza del regolamento recentemente pubblicata. Nel corso di questo convegno, al quale sono seguite interessanti domande, provenienti da coloro che hanno già intrapreso la strada delle regolarizzazione e che si domandano cosa sarà del loro percorso sin qui svolto, in vista di una variazione anche sostanziale delle modalità operative.

discussioni dopo il convegno ENAC

Alcuni soci FIAPR proseguono la discussione dopo il convegno

A tal proposito Delise ha affermato che ci saranno dei crediti e un periodo di transizione garantirà a coloro che hanno già effettuato le debite domande per ottenere le autorizzazioni la possibilità di integrare o comunque di operare come da precedente bozza, tuttavia al momento non sono ancora ben chiari quali passaggi siano necessari.

Una domanda che spesso ci raggiunge in redazione, riguarda quali siano le azioni da compiere in questo periodo misto, dove tuttora vale il regolamento approvato il 30 aprile 2014, ma sono in previsioni sostanziali modifiche. Il funzionario ENAC risponde che comunque passato il termine ultimo del 20 aprile per la ricezione dei commenti sarà necessario un altro mese e quindi coloro che desiderano avviare la attività professionale con droni e APR, potranno comunque presentare le opportune domande tramite la solita procedura pubblicata sul sito ufficiale ENAC.

 

 

1904 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: