Maratona di Boston, installati dispositivi anti drone

0

Durante la consueta maratona di Boston, sono stati installati sistemi di sicurezza per scongiurare eventuali atti terroristici compiuti da piccoli droni.

Il 15 aprile 2013 un terribile e vile attentato coprì di sangue le strade percorse dagli atleti oramai giunti al traguardo. Due ordigni esplosivi hanno ucciso 3 persone, ferendone oltre 260.
La corsa di quest’anno ha visto la collaborazione  di una nuova tecnologia sviluppata dal MIT in grado di rilevare il suono tipico prodotto dai piccoli droni e avvisare immediatamente le forze di polizia situate lungo il percorso. Gli oltre 40 chilometri di strada e le relative adiacenze, sono state dichiarate No Fly Zone dalle autorità locali.
Il Drone Shield, ha svolto egregiamente il suo lavoro e non è stato registrato alcun suono proveniente da droni, ha dichiarato Brian Hearing il co-fondatore della omonima azienda produttrice dello scudo anti drone.

Drone Shield, lo scudo acustico in gradi di rilevare i droni

Lo scudo anti drone, come funziona?

La tecnologia sulla quale si basa il sistema di rilevamento, è basata sul riconoscimento acustico del tipico suono prodotto dai piccoli droni, che date le loro dimensioni e la loro conformazione fisica, sono invisibili ai radar. Il Drone Shield contiene al suo interno un grande database di firme acustiche per prevenire falsi allarmi. In seguito al rilevamento può inviare sms o email ad indirizzi predefiniti.

1151 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: