Tornado H920, il fratellone dello Yuneec al Radio Model Show

0

Gironzolando all’interno della manifestazione modellistica estiva più attesa dell’anno, il Radio Model Show di Ozzano Emilia (BO), abbiamo trovato insieme ai tanti piccoli droni giocattolo da poche decine di euro, adatti ai nipotini o agli adulti desiderosi di imparare, un ospite d’eccezione: lo Yuneec H920.

Decisamente inaspettato sia lo stand Yuneec, il noto colosso cinese on oltre 1800 dipendenti in tutto il mondo progenitore di diversi marchi ben conosciuti nel mondo hobbystico: Blade, Parkzone, Firebird, E-Flite, sia la presenza dei due modelli di punta della casa. Di fianco al conosciuto e recentemente recensito nel numero 10 di DronEzine, il quadricottero Q500+ Typhoon, spiccava maestoso il drone esarotore H920 Tornado.

Dedicato ad una utenza professionale il drone  Tornado H920 sembra solido e ben costruito, dedicato alle foto e riprese aeree, capace di trasportare carichi paganti degni di rispetto, grazie alla possibilità di scegliere tra due poderosi gimbal la compatibilità con la fotocamera Panasonic GH4 è garantita.

Specifiche tecniche

Caratteristiche di tutto rilievo per il fratello maggiore del Q500, che al suo confronto sembra un bambinetto. Al momento non se ne conosce il prezzo, tuttavia si presume sia dedicato ad una fascia di clientela che non lo utilizzerà per hobby, ma per lavoro.
tornado-h920-braccia-rièeghevoliUn diametro complessivo di 920mm, ovvero si rende necessario un bagaglio molto capiente per trasportare l’esacottero costruito per la maggior parte in fibra di carbonio di quasi 1 metro. In verità una altra sua peculiarità consiste proprio nella possibilità di ripiegare i bracci che sostengono i propulsori e le eliche, facilitandone il trasporto con qualsiasi autoveicolo, nonostante i quasi 5Kg di peso per il velivolo pronto al volo. Carrello retrattile e eliche in carbonio sono la ciliegina sulla torta. Usare il termine radiocomando sembra riduttivo per ST24 la Ground Station destinata a controllare remotamente questo velivolo a pilotaggio remoto. Schermo da 7 pollici, sistema operativo Android, frequenze a 2,4Ghz per i comandi e 5,8Ghz per il ritorno del canale video. Autonomia dichiarata di 30 minuti e garantita da motori pancake appositamente studiati e sopratutto da due batterie Lipo a 6s con 4000mAh di corrente.

Vista la disponibilità della gentilissima e preparatissima  Claudia Derenger, responsabile italiana di Yuneec Europe, non abbiamo resistito alla tentazione di domandare il motivo della loro presenza  ad  un evento dal taglio tipicamente modellistico, quale il Radio Model Show nonchè qualche anticipazione sullo arrivo del drone Yuneec Q500 a 4k.
Ecco la video intervista.

 

 

2275 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: