Un drone marino per sorveglianza e supporto sulle portaerei della Royal Navy

0

Una nuova barca autonoma, un drone marino, al servizio della portaerei britannica Queen Elizabeth. Si tratta di una barca gonfiabile rigida capace di svolgere missioni di sorveglianza completamente autonome per 12 ore e sviluppato da BAE System e ASV  per la nuova portaerei della Royal Navy.

Le barche gonfiabili  con parte della chiglia rigida  saranno in grado di viaggiare a  38 nodi all’ora e raggiungere una distanza di 40 km dalla  loro nave madre, consentendo manovre ad alto rischio salvaguardando la vita dei marinai
Les Gregory, direttore dei servizi e formazione di BAE Systems, ha dichiarato: “Questa tecnologia offre una barca senza equipaggio estremamente robusto e in rapida evoluzione, che è in grado di eseguire una serie di ruoli di sorveglianza e ricognizione, anche in acque mosse..
Dan Hook, direttore generale per ASV, chiosa “Gli algoritmi che stiamo sviluppando con BAE Systems permettono alla barca di eseguire missioni complesse e navigare evitando collisioni. Questo dà la flessibilità e sofisticazione di operare in diversi ruoli tattici, sia che si tratti di pattugliamento di aree di interesse, fornendo sorveglianza e ricognizione davanti a missioni con equipaggio, sia per a protezione di navi più grandi della flotta.”

fonte: ASV marine system

963 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: