Ciclismo, il mistero del drone di Astana

0

Anche in ambito sportivo, i droni son sempre più frequentemente usati per monitorare gli allenamenti o i rendimenti degli atleti. Nel calcio sono diversi i velivoli a pilotaggio remoto comparsi sulle teste dei giocatori durante gli allenamenti..

Il primo drone usato per filmare gli allenamenti fu usato addirittura nel 2013 dalla Sampdoria e dopo quasi due anni, tutta la stampa sportiva annunciava le nuove tecniche dal mister del Napoli calcio – Maurizio Sarri – che controllava i movimenti della sua difesa durante il ritiro estivo a Dimaro, con un drone.

E’ il momento del ciclismo, e a quanto pare la moda del momento che vuole un drone in ogni posto e in ogni contesto non poteva essere ignorata. A  Calpe nella costa valenciana, spunta un drone sulle strade solcate dai ciclisti durante un allenamento.
Due sono le versioni pubblicate dai giornali sportivi:
Il Quotidiano sport, afferma che il velivolo tecnologico dotato di telecamera serve per registrare e monitorare le pedalate di Vincenzo Nibali e Fabio Aru e migliorarne in rendimento sulla scia degli esempi calcistici.
Diversa l’opinione pubblicata dalla Gazzetta, dove un intervista al direttore sportivo Giuseppe Martinelli, svela che il drone era presente solo per scopi pubblicitari.

Difficile stabilire chi abbia effettivamente ragione, ma su una cosa siamo certi, a meno che non si tratti di un foto ritocco o di una effetto della prospettiva, il drone della Yuneec inquadrato è davvero molto vicino ai campioni delle due ruote.

1287 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: