Gli analisti scommettono: Kama, il drone di GoPro, farà riprese sferiche

0

Di certo non c’è nulla, e GoPro nei video che ha finora rilasciato non fa presagire nulla del genere. Eppure da settimane sui media americani il tam tam è insistete: Kama, i drone con cui GoPro cerca di risollevarsi da vendite deludentissime e un vero tracollo in borsa potrebbe fare riprese sferiche per la realtà virtuale immersiva: il che non significa che, se davvero così fosse, i video dovranno necessariamente essere sferici ma che si potrà selezionare un qualsiasi punto di vista senza bisogno di un gimbal, un po’ come fa il Parrot BeBop, che da un filmato nativo a 180° “ritaglia” digitalmente un filmato 16:9 senza distorsioni.

odisseyL’ipotesi degli analisti americani non ci sembra campata per aria: è noto che GoPro ha presentato di recente un sistema per fare video a 360°, Odissey, nato in collaborazione con Alphabet, il laboratorio di ricerca di Google, anche se si tratta di un device pesantissimo e per nulla adatto a un drone di dimensioni e costi ragionevoli, ed è noto che terze parti usano le HERO per fare filmati sferici, come Kodak_PixProla macchina nella foto di apertura di questo articolo.

GoPro ha un disperato bisogno di stupire, per tagliarsi una fetta del mercato dei droni consumer e prosumer, dominato da una manciata di player internazionali che non sembrano intenzionati  lasciare nemmeno le briciole alle new entry. E deve farlo partendo da quel ce sa fare meglio, e cioè le immagini. L’ipotesi è che GoPro riesca a creare un sistema per riprese 3D che possa competere con il leader del settore, la Kodak PixPro SP360 4K, con in più la possibilità di volare.

GoPro ha già mosso le sue pedine. Ad altissimo livello
A rafforzare le convinzioni degli analisti d’oltreoceano c’è il fatto che GoPro ha già cominciato a muovere le sue pedine, e ad altissimo livello. Il problema principale dei filmati a 360° è dove visualizzarli e soprattutto come condividerli, in un mondo dove la stragrande maggioranza delle riprese video è fatta per postarle sui social.

GoPro si è mossa in grande stile su questo fronte, stringendo accordi sia con Google (proprietaria, lo ricordiamo, di YouTube) sia con facebook.  Con i primi, oltre ad aver sviluppato Odissey (a cui seguirà una soluzione più economica, con “solo” sei HERO), collabora nello sviluppo di Jump, che invia video a 360° su YouTube sotto forma di video interattivi. Invece a Facebook GoPro fornisce filmati per il canale 3d di News Feeds, che ha già 720 mila iscritti ai filmati VR. E sul versante tecnico, ancora GoPro ha acquisito la startup francese Kolor, che ha sviluppato n software per montare inseme riprese a 360° per farne filmati immersivi e interattivi.

Ora bisognerà vedere se davvero GoPro è intenzionata a giocarsi la carta dei filmati immersivi e soprattutto se riuscirà a tenere i prezzi ragionevoli.

1570 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: