Usa: in Senato arriva una legge sui droni civili

0

35.siAl Senato americano approda un disegno di legge, The Drone Aircraft Privacy and Transparency Act, che dovrebbe portare trasparenza e privacy nell’uso di droni civili da parte della pubblica amministrazione e delle aziende private.

Il relatore è il senatore democratico del Massachusetts Ed Markey, e lo scopo della legge è quella di riformare le attuali regole americane sull’uso dei droni per garantire la popolazione contro le intrusioni indebite dei droni spia sul suolo americano, fatte salve le situazioni di emergenza.

Se approvato, il decreto imporrà alle forze dell’ordine, inclusi appaltatori e subappaltatori, di “includere regolamenti che specifichino come intendono minimizzare la raccolta e memorizzazione di dati non collegati direttamente alle indagini su un crimine”. E ce n’è anche per la FAA, l’authority aeronautica americana, che dovrà creare un sito web accessibile al pubblico con l’elenco di  tutte le organizzazioni che hanno una  licenza per l’uso di droni e i piani di volo degli aerei robot.

In deroga, le regole di privacy e trasparenza non si applicano quando i droni sono usati in situazioni in cui, a giudizio delle autorità, ci sono persone in pericolo di vita, o quando il controspionaggio interno (Homeland Security) ritiene che ci siano “credibili” indizi di un attacco terroristico.

Le organizzazioni che si battono per la privacy e le libertà civili sono in fibrillazione, man mano che si avvicina la fatidica data del 2015, quando la FAA aprirà definitivamente i cieli americani ai droni commerciali; quando ci sarà la liberalizzazione, le stime parlano di 7.500 droni operati da aziende private, mentre l’industria aerospaziale valuta che nel mondo la spesa per droni civili supererà gli 11 miliardi di dollari. Ancor più ottimista l’Association for Unmanned Vehicle Systems International, che ritiene che in dieci anni l’industria USA dei droni varrà qualcosa come 80 miliardi di dollari.Tutto ciò naturalmente ha assoluto bisogno di regolamentazione: “I droni di sorveglianza sul territorio nazionale mettono seriamente a rischio la privacy delle persone e sollevano grossi dubbi costituzionali che devono essere affrontati e risolti prima della liberalizzazione” dice l’associazione nazionale degli avvocati penalisti. E giudicano la proposta di legge “un primo passo verso la trasparenza e la responsabilità nel futuro uso dei droni”.

Positivo anche il commento di said Chris Calabrese dell’American Civil Liberties Union: “Leggi come questa garantiscono che la privacy non si estingua nell’America del ventunesimo secolo. E’ vitale dotarsi di regole complete per garantire che le nuove tecnologie, come i droni, siano usate in modo responsabile dalle imprese e dal governo”

1756 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: