Nella verde Irlanda fiorisce l’uso dei droni al servizio dell’immobiliare

0

Una splendida ripresa aerea per mettere in risalto l’architettura e il giardino annesso, poi il video stringe sul portone d’ingresso e la visuale penetra all’interno della casa, mostrandoci gli ambienti tirati a lucido e baciati dalla delicata luce del sole al mattino. Non ci sono dubbi che un video del genere sarebbe in grado di aumentare a dismisura le valutazioni (e quindi l’appetibilità presso i potenziali compratori) di qualunque immobile.

Non stupisce, pertanto, che le agenzie immobiliari più all’avanguardia, e sulla loro scia molte altre, si siano affrettate ad inserire dei bellissimi video di proprietà immobiliari realizzati con i droni accanto agli annunci di affitto e vendita. Il fenomeno, in crescita ovunque la normativa lo permetta, si sta velocemente affermando in Irlanda, paese dove lo scorso dicembre la IAA (Irish Aviation Authority) ha inaugurato il primo modulo online del mondo per la registrazione dei droni. Da allora sono stati registrati circa 2000 modelli, numeri significativi (specie per un paese piccolo come l’Irlanda) determinati da una procedura di registrazione estremamente intuitiva e soprattutto breve, basti pensare che agli utenti era richiesto di fornire il peso dei droni e non lo scopo dei voli.

Eppure è abbastanza chiaro, stando alla IAA e all’Institute of Professional Auctioneers and Valuers, una buona parte dei droni registrati sono stati utilizzati per realizzare video di proprietà immobiliari, tendenza confermata dalla crescita – anche sul web – del numero di domande relative a come usarli a questo scopo.

Cosa c’è dietro questa esplosione?

L’exploit di questo settore è dovuto senz’altro all’effetto sinergico dato dal miglioramento delle prestazioni dei droni, specie nella qualità foto/video, e dal prezzo di acquisto che invece va diminuendo (a parità di caratteristiche tecniche). Si tratta in realtà di condizioni comuni all’intero mercato dei droni, ma nel settore immobiliare la comparsa delle riprese a mezzo drone vicino agli annunci di affitto e di vendita delle case crea un effetto “palla di neve”, che spinge le agenzie concorrenti a dotarsi a loro volta e il prima possibile di questo nuovo strumento di promozione.

 

839 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: