Cominciamo bene, il Mi Drone di Xiaomi potrebbe essere precipitato durante la presentazione alla stampa cinese

0

Che il drone low cost del colosso cinese dei telefonini non ci paresse granché l’abbiam detto subito, ma non pensavamo che Xiaomi potesse incappare in un inconveniente così imbarazzante a quanto riportano diversi portali cinesi, il suo drone sarebbe precipitato durante la presentazione alla stampa cinese, ci informa il portale di tecnologia Zol. Il condizionale è d’obbligo perché non possiamo verificare che il drone sia effettivamente caduto, dobbiamo fidarci di quello che dicono i media online orientali.

Secondo i testimoni, riporta il portale cinese, il drone si è improvvisamente messo a vibrare ed è caduto, mettendo eventualmente a rischio le persone che stavano sotto: il Mi Drone, che assomiglia molto a un DJI Phantom di qualche anno fa, pesa 1,3 kg.

Quel che è peggio, sempre stando ai blog cinesi in mancanza di informazioni ufficiali, è stata la presunta reazione di Xiaomi alla faccenda: i portavoce dell’azienda avrebbero affermato che i suoi piloti non avevano caricato bene le batterie, il che di per se sarebbe una ammissione di grande incapacità nel gestire le operazioni di volo da parte di Xiaomi, e – riportano sempre i blog cinesi – pare che Xiaomi abbia detto che non è precipitato ma semplicemente rientrato alla base. Una ricostruzione che non spiega e non giustifica affatto il fatto che sia cascato come un sasso, come si dice in Rete: anche il più infimo drone senza marca quando non ha abbastanza batteria per volare non scodinzola e cade ma perde progressivamente potenza e quota posandosi a terra. Inoltre la stessa Xiaomi dichiara che il suo drone ha un sistema intelligente di gestione delle batterie, quindi a fine autonomia dovrebbe rientrare al punto di partenza e atterrare. Dovrebbe.

Se il portale Zol ha ragione, e prima di cadere ci son state vibrazioni, a nostro avviso è più probabile un guasto tecnico o elettronico a un motore o un’elica, e il fatto che Xiaomi si sia arrampicata sui vetri cercando di scaricare la colpa su piloti e batterie la dice lunga sull’imbarazzo dei dirigenti.

Il drone costa relativamente poco ma non pochissimo, oltre 400 euro, e se l’incidente dovesse essere confermato ci farebbe dubitare sia della qualità della macchina sia dei controlli di prodotto.

6516 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: