Reaper italiani operativi a Herat

0

reaper-predator-b

Il velivolo a pilotaggio remoto con nome in codice Reaper, candidato a sostitutire a breve il fratello Predator utilizzato in Afghanistan, è operativo dal giorno 17 gennaio nella base aeronautica di Camp Arena a Herat.

Il drone MQ-9A Reaper prodotto da General ATomics e originalmente conosciuto come Predator B è equipaggiato con sensori ad alta risoluzione in grado di restituire a terra un video in alta qualità, trasmesso in tempo reale,  molto più nitido e definito nei dettagli rispetto a quelli imbarcati sui Predator. In questo modo il Reaper potrà volare a quote superiori senza avere un deterioramento della qualità visiva delle immagini.

I test eseguiti sotto la supervisione del colonnello Francesco Saverio Agresti a capo del comando Astore integrato nel Joint Air Task Force del Regional Command West, hanno prodotto risultati positivi con il raggiungimento della certificazione alla Capacità Operativa Finale (FOC).

 

1295 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: