Le previsioni della FAA: 3 milioni di droni amatoriali e mezzo milione di SAPR in 5 anni

0

La Federal Aviation Administration non ha dubbi: il settore degli aerei senza pilota è destinata a vivere una crescita esplosiva nei prossimi cinque anni. In questo lasso di tempo i droni usati per hobby triplicheranno dall’attuale 1,1 milioni di macchine a 3 milioni, metre i droni professionali (i nostri SAPR) cresceranno dagli attuali 216 mila a 442 mila, con un tasso di crescita annuo del 58%

Una crescita esplosiva nonostante la stessa FAA ammetta che le regole sui droni sono un potente freno al loro sviluppo, come l’obbligo di volare solo a vista, solo di giorno e non sulle persone. Limiti che la FAA prevede di abbassare man mano che cresce la consapevolezza degli operatori e la sicurezza intrinseca dei droni: “In questi cinque anni creeremo delle regole che permettano agli operatori di superare i limiti del regolamento in modo abbastanza routinario” scrive la FAA, preconizzando quindi un sistema molto simile a quello dei nostri Scenari standard, dei framework per arrivare rapidamente all’approvazione delle operazioni critiche più comuni, anche in ambito urbano (un esempio, i droni sulla Sramilano).

 

Man mano che crescono i droni e le limitazioni si faranno meno castranti, secondo la FAA cresceranno anche gli operatori, dai 20.362 di oggi ai 281.300previsti per il 2021, creando così opportunità di lavoro qualificato. Secondo la FAA, le previsioni contenute nel report sono “guidate principalmente dall’evoluzione in corso dell’ecosistema regolatorio dei droni, l’ingegno di costruttori e operatori e la domanda di servizi che cresce robusta. Mentre continuiamo ad abilitare la fiorente industria dei SAPR, i nostri sforzi consentiranno un’integrazione sicura dei droni nello spazio aereo nazionale”.

 

739 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: