PrecisionMapper, mappe in 2D e in 3D gratis per foto aeree scattate con i droni

0

PrecisionHawk offre una versione entry level gratuita di PrecisionMapper, per il suo software di mappatura e ricostruzione in due e  tre dimensioni.

L’annuncio un po’ a sorpresa, viene da Michael Chasen ceo di PrecisionHawk, azienda leader nel settori di velivoli unmanned (droni) sia ad ala fissa sia multirotori,
“I droni hanno il potenziale per catturare un maggior numero di dati ad alta risoluzione di qualsiasi altra tecnologia, ma crediamo che i droni siano sottoutilizzati a causa delle barriere d’ingresso dovute al costo di elaborazione, analisi e archiviazione” –  sottolinea Chasen in occasione della conferenza del 9 maggio al lAUVSI Unmanned Systems.

“Crediamo che questa mossa permetta una maggiore innovazione da più persone”, ha chiosato  Chasen. “PrecisionHawk ha guadagnato un sacco dal pensiero avanzato di questa comunità, e questo è il nostro modo di restituire il favore”.

Gli operatori potranno caricare con facilità le  immagini fotografate e geo referenziate dal drone a PrecisionMapper. Il software, userà le informazioni GPS incorporate all’interno delle immagini e restituirà una mappa completa, visualizzabile sia in 2D che in 3D. Con la versione gratuita di  PrecisionMapper si potranno creare sino 60 rilevi in un anno senza limiti di risoluzione o di esportazione.

Non è vista di buon grado la mossa del “novello Robin Hood” da parte dei professionisti del settore mappatura e ricostruzione in 3D dei dati ottenuti. L’idea è che vengano forniti strumenti avanzati a persone con non hanno le dovute competenze topografiche e geomatiche, si legge sui vari gruppi del social network dalla piccola “f” bianca.
L’abbassamento del costo d’ingresso favorirebbe quindi una spinta al ribasso e ad una de-professionalizzazione del settore.
Considerazioni certamente vere e sincere, quelle appena lette, ma bisogna considerare che tutto sommato questa politica di ingolosire l’utilizzatore finale, con una versione entry level free o a costi bassi, è oramai pratica comune utilizzata sia da altri competitors – leggi Pix4D –  sia in altri settori ad alta tecnologia.

La differenza fondamentale, non sarà quindi quella di restituire al committente un dataset ottenuto a basso costo, ma quella di saper analizzare i dati ottenuti anche grazie alla versione free di PrecisionMapper, verificando la veridicità e conformità degli stessi e commentando in base alle esperienze passate, il lavoro svolto.

Maggiori informazioni sul software per mappatura in 2D e in 3D eseguita grazie ai rilievi aerei con i droni, potranno essere ottenute  seguendo  questo link

2525 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: