DJI rilascia nuova versione della sua app per il controllo dei droni DJI Spark, Mavic, Phantom 4

0

Una nuova versione della applicazione per il controllo remoto dei droni di casa DJI quali i sempre verdi Phantom 4, Insipire 2, e i più recenti DJI Mavic e DJI Spark.
Disponibile per il momento solo sullo store del robottino verde, ovvero per Android, ma si presume un rilascio a breve anche per le mela bianca, sistemi iOS, la DJI GO 4 raggiunge la versione 4.14.

Sono tante le nuove features incluse in questa versione che a dire il vero sta anche raggiungendo dimensioni di discreto livello. Sono oltre 130 Mbyte da scaricare, ma il peso esatto dipende dal dispositivo sulla quale andrà installata.

Un peso enorme, ma non eccessivo se consideriamo che l’app in effetti è il  vero cuore pulsante delle dei droni di casa DJI, grazie ad essa e ai comandi impartiti tramite il processore del device, sarà possibile la navigazione per Waypoint, o l’effetto Cinema, per i droni tipo il Mavic o nuove gesture per i droni tipo Spark.
Oltre alle nuove chicche che andremo in seguito ad analizzare,è necessario tenere presente che l’app include la possibilità di visualizzare i log dei voli e un piccolo editor per modificare i video registrati, insomma è un coltellino tuttofare che però richiede hardware veloce con tanta ram.

modalità-gesture-drone-dji-spark-700

Le novità appena introdotte per l’ultimo gioiello del noto produttore asiatico, il DJI Spark dovrebbero essere abbastanza importanti. Prevedono infatti la possibilità di registrare i video dal menu gesture.

record-gesture-700

Il drone Spark nasce sopratutto come selfie drone e la possibilità di impartire ordini tramite alcune posizioni delle braccia o delle mani, anche se snobbata dai più avvezzi a pilotare un drone, è certamente un motivo di divertimento per i nuovi arrivati o anche per i più esperti che vogliano sorprendere gli amici con i comandi impartiti senza alcuno smartphone o radiocomando in mano.

Quando abbiamo provato il DJI Spark alla presentazione ufficiale italiana a Roma il 1 di giugno, ci siamo subito accorti che durante l’esecuzione delle gesture era possibile scattare solamente le foto con il posizionamento delle due mani e riquadro. Ora invece mettendo un braccio in diagonale, sarà possibile far registrare i video sulla memoria SD installata a bordo dello Spark o sul telefono, ma in bassa risoluzione in caso di mancanza della stessa.

movimento-pitch-gimbal-700

 

Per coloro che hanno acquistato il kit Combo, ovvero il radiocomando più una ulteriore batteria e altri accessori, risulterà molto utile la funzione per regolare la velocità di inclinazione del gimbal verso il basso o l’alto attraverso la apposita rotellina presente nel angolo superiore sinistro della radio.
Per evitare movimenti bruschi, troppo veloci e di scarso risultato ottico sui video, è stata introdotta una funzione nel menu che ne regola la velocità.

pano-opzione-700

Aggiunta la possibilità di scattare foto panoramiche a 180° nel sotto menu relativo alla fotocamera e la funzione di settare una direzione del pacchetto dei QuickShot, modalità di volo per la registrazione video predefinite.
flight-restriction-700Nel menu principale compare anche la voce Flight Restriction Information che si connette in tempo reale con il sito DJI per mostrare all’istante le zone vietate alla navigazione aerea dei velivoli a pilotaggio remoto.

Decisamente un bel passo avanti, non ci rimane che attendere l’indomani per provare sul campo le nuove features introdotte nella app DJI GO 4 v4.14.

 

 

 

La modalità gesture, permette al drone DJI Spark dopo aver riconosciuto tale funzione di volo, di decollare da un palmo della mano, spostarsi una una area predefinita, allontanarsi facendo foto e a questo punto anche un video, atterrare nuovamente sul palmo della mano e spegnere i motori. Meglio usare sempre i para eliche per attivare questo tipo di volo.

1452 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: