Terrablast: un’ antenna leggera per droni, a prova di crash: sopravvive alla caduta da un grattacielo

0

Leggera e soprattutto a prova di caduta: questa è l’antenna Terrablast che la cinese Taoglass, leader nell’internet delle cose, ha presentato al Mobile World Congress per l’industria dei droni. Tutta in polimeri, è il 30% più leggera delle usuali antenne 2,4 GHz in ceramica e soprattutto gli urti non gli fanno un baffo. Per dimostrarlo, l’hanno buttata dal trentanovesimo piano di un grattacielo…

 

I modelli Terrablast sono due, un’antenna da 25 mm per la frequenza 2,4 GHz (quella che si usa per il controllo remoto dei droni) e una da 35 mm per il GPS hanno un design circolare per garantire la miglior ricezione anche quando il drone cambia orientamento nel cielo. Il peso, assolutamente fondamentale per l’uso con i droni, che in futuro tenderanno ad essere sempre più piccoli e  leggeri per rispettare le sempre più severe norme  EASA e FAA, è di appena 5,6 grammi, contro gli 8,5 grammi delle antenne in ceramica di prestazioni comparabili: tre grammi sembrano pochi, ma se pensiamo che nel 2020-2021 ci sarà un enorme mercato di droni personali e professionali sotto i 250 grammi, ecco che tre grammi risparmiati sull’antenna non sono assolutamente da buttare via.

 

1088 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: