Dispersioni di calore in città rilievo con il drone in Friuli Venezia Giulia

0

Sono innumerevoli le operazioni effettuabili con i droni in ambito civile al servizio di comuni ed enti pubblici. La miniaturizzazione tecnologica di video camere e termo-camere, permette quindi ai piccoli droni civili, di eseguire importanti rilievi che possono essere utilizzati dalle Pubbliche  Amministrazioni.

Nello scorso gennaio 2018 il Comune di San Giorgio di Nogaro ha dato il via a un rilievo termico e fotogrammetrico con utilizzo di drone nel campo radiometrico dell’infrarosso termico.
L’incarico è stato affidato a UST Italia  – una start up innovativa e contestualmente operatore di SAPR riconosciuto da  ENAC.
Il rilevo termografico è stato eseguito su molte aree urbanizzate  all’interno dei confini del Comune di San Giorgio di Nogaro comprendendo quindi edifici di tipo residenziale o commerciale.

Dal punto di vista formale e normativo, l’area nella quale sono avvenute  le operazioni specializzate si trova  all’interno della FIR di Milano (zona Padova),  dentro alla Zona 1 del CTR di Ronchi, al di sotto del CTR di Aviano.  Sono state adottate quindi le precauzioni previste in ambito urbano (Scenario Critico Standard ENAC S03)  Tutte le attività sono state pianificate ed eseguite in coordinamento con il corpo di Polizia Locale.

Una grande soddisfazione per l’assessore Davide Bonetto che ha dichiarato sul suo blog:  “Devo ammettere che sono particolarmente entusiasta per questa iniziativa in quanto siamo il primo Comune in Regione se non addirittura il primo in Italia ad effettuare una ricognizione termografica delle superfici orizzontali sulla quasi totalità degli immobili urbani ricadenti sul suolo comunale. Questa operazione ci permetterà di arricchire ulteriormente il PAES (Piano di Azione di Energia Sostenibile) – ora come ora in fase di verifica a Bruxelles – creando uno degli elaborati più avanzati redatti in Unione Europea. Semplificando, “fotograferemo” l’effettiva dispersione termica delle coperture degli immobili fornendo così un ulteriore strumento di analisi da mettere a disposizione di cittadini ed imprese che vogliono investire nell’ambito dell’efficientamento energetico” – prosegue Bonetto.

“Ma non è finita, interverremo anche con una ricognizione in 3D sugli edifici di proprietà comunale più energivori, andando così a dare completezza alle singole schede tecniche di tali fabbricati con l’opportunità di calibrare con più precisione in futuro – facendo riferimento alle effettive dispersioni termiche – gli interventi di efficientamento energetico.”

 

Foto e info su UST Italia

928 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: