Saildrone, il drone a vela che naviga in autonomia per mesi

0

Quando parliamo di droni, il 99 per cento delle volte il pensiero corre verso un velivolo a tre o più eliche in grado di volare. In realtà sappiamo che esistono (e non da poco) i ROVRemotely operated vehicle, dispositivi che oggi chiamiamo anche droni marini e che sono progettati per esplorare le profondità dei territori che si trovano al di sotto del pelo dell’acqua. Per questo motivo, forse, un drone che invece di inabissarsi come un sottomarino sia progettato per navigare in superficie come fanno le navi può sembrare strano, ma il progetto Saildrone funziona proprio così.

Video: Presentazione di Saildrone

Si tratta a tutti gli effetti di un trimarano lungo 6 metri, alto 5 e rosso come il fuoco, per essere riconosciuto anche nei casi in cui cielo e mare diventano un tutt’uno con la nebbia. Per quanto riguarda il resto, e cioè quello che è in grado di fare, questo drone a vela è ancor più unico nel suo genere, perché è capace di navigare in completa autonomia, anche per mesi, facendo affidamento esclusivamente sul vento e sul sole, necessari il primo per spostarsi e il secondo per alimentare l’elettronica di bordo, che è in grado di raccogliere, analizzare e trasmettere una mole incredibile di dati.

Le sue invidiabili capacità di navigazione, assieme all’assenza di equipaggio, gli consentono di navigare in qualsiasi condizione meteorologica, anche in quelle pericolose che costringono le navi a rimandare le loro missioni e tornare nei porti. Non solo, perché i sistemi di esplorazione e ricerca marina tradizionali sono inevitabilmente anche più costosi, il che rende a tutti gli effetti Saildrone una soluzione ottimale per raccogliere dati sull’inquinamento dell’acqua, sul numero della fauna marina e in generale sulle condizioni di salute degli oceani.

Un approccio innovativo che, tagliando costi e rischi per gli equipaggi, promette di incrementare le ricerca in molte zone dei nostri mari, dei quali sappiamo ancora così poco. L’omonima azienda californiana vanta un’esperienza decennale nel campo delle barche a vela senza pilota, periodo durante il quale ha coperto con le sue missioni oltre 100 mila miglia nautiche per gli oceani di tutto il pianeta.

1102 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: