Drone Parrot Anafi, piccola svista normativa sul sito ufficiale

0

Decisamente il prodotto dell’estate 2018 il nuovo drone Parrot Anafi, recentemente introdotto sul mercato dei droni consumer. Sono oramai in tantissimi ad averne acquistato uno, e in rete circolano bellissimi video e altrettanto dettagliate recensioni.

Come per tutti gli oggetti tecnologici, nascono le prime guerre di religione, tipo iOs contro Android, Windows contro Linux, e ovviamente Parrot vs DJ. A nostro modesto avviso non esiste un drone migliore di un altro, dipende sempre dal tipo di utilizzo o dalle caratteristiche richieste: chi preferisce una lunga autonomia chi una efficiente telecamera. Chi lo vuole usare per lavoro o chi lo utilizza per hobby.

A proposito di lavoro, si vedono le prime modifiche per rendere il drone Parrot Anafi conforme al regolamento ENAC art.12 comma 5, che prevede che i mezzi aerei a pilotaggio remoto di massa operativa al decollo inferiore ai 0,3Kg, altrimenti da noi definiti ‘trecentini’ godano di particolari esenzioni.
Tuttavia qualche nostro attento lettore ci segnala che sulla pagina ufficiale di Parrot, alla voce normativa e tradotta giustamente in italiano per favorirne le vendite anche nel BelPaese, c’è un evidente riferimento a un libero uso in quanto l’Anafi è un drone di peso inferiore a 800 grammi.

Ovviamente abbiamo già avvertito Parrot tramite i canali ufficiali, ma ancora ad oggi capeggia questa dicitura, che magari è corretta per il mercato francese, ma non per quello italiano.

NORMATIVA
Sei il fortunato proprietario di un drone ANAFI? Sappi che oggi (e conformemente alle nuove regolamentazioni vigenti a partire da luglio 2018) non hai bisogno di autorizzazioni per pilotare un drone ricreativo di peso inferiore a 800 gr.

Il drone Parrot Anafi può essere acquistato anche qui.

2724 visite
Commenta:

Segui DronEzine sui social: