Dall’Austria arrivano nuovi paracadute per droni

0

Tutto ciò che vola è inevitabilmente soggetto al rischio di cadere. Quando parliamo del rischio di caduta di un drone, non parliamo solo del pericolo di ferire delle persone (assimilabile allo zero se si vola in contesti adeguatamente protetti e in cui sono state adottate tutte le precauzioni necessarie), ma anche della possibilità, molto più concreta, di danneggiare gravemente il velivolo, che in caso di strumenti professionali può significare la perdita di diverse migliaia di euro.

Lo sanno bene gli austriaci della Drone Rescue, che hanno presentato all’Intergeo di pochi giorni fa a Francoforte, tre nuovi paracadute per droni.

Video sui paracadute di Drone Rescue

DRS-5 e DRS-10

particolare della gabbietta del paracadute

Ecco dove si aggancia il paracadute

I primi due modelli, simili nel design, sono riservati a droni con range di peso differenti. Il pracadute DRS-5, che pesa 300 grammi, è adatto per droni dal peso fino a 8 kg, mentre il modello DRS-10 ha un payload di 390 grammi e “copre” i droni tra 5 e 20 kg. Entrambi i paracadute alloggiano in una gabbia di carbonio con sensori e controlli che funzionano indipendentemente dal drone. In questo modo, appena il sistema avverte che il velivolo è in difficoltà, è in grado di lanciare il paracadute in una frazione di secondo, tagliando anche l’alimentazione ai motori per evitare che le eliche, continuando a ruotare, possano tagliare le corde del paracadute o peggio ferire qualcuno al suolo.

DRS-M600

Questo modello è in sostanza un DRS-10 sviluppato appositamente per il drone MATRICE 600 della DJI, e possiede una scatola nera che registra la posizione GPS, l’altitudine e l’accelerazione del velivolo, dati che tornano molto utili in caso di richiesta di risarcimento all’assicurazione.

Il vantaggio dei nostri sistemi – come argomenta Andreas Ploier di Drone Rescue in un comunicato stampa – è che viene gestito completamente senza soluzioni esplosive o pirotecniche. Di conseguenza abbiamo un sistema notevolmente leggero, che funziona anche nel peggiore degli scenari“. Un ulteriore vantaggio del sistema di lancio elettronico del paracadute, è che l’utilizzo non implica la sostituzione di alcuna parte, bensì richiede soltanto di risistemare il paracadute nel suo alloggio, con un’operazione che richiede pochi minuti.

1833 visite
Commenta:

Segui DronEzine sui social: