Da Kalashnikov un nuovo drone kamikaze low cost

0

Non si arresta lo sviluppo di armi da guerra dell’azienda russa Kalashnikov, passata alla storia per l’invenzione del famoso fucile AK-47 e ora passata gradualmente alla produzione di droni militari.

Avevamo avuto modo di osservare il lavoro del gruppo tempo fa, poco prima dell’estate 2017, quando era alle prese con il drone da ricognizione ZALA 421-16E2, mentre qualche giorno fa è apparso sul canale Youtube il video di un nuovo velivolo da guerra, il KYB-UAV, che è stato progettato come arma suicida in grado di raggiungere in poco tempo e colpire dei bersagli distanti, esplodendo all’impatto.

Il video del drone da guerra di Kalashnikov

Secondo il comunicato diffuso dall’azienda in merito alla sua nuova arma, questo drone è grande poco più di un metro, può trasportare fino a 3 kg di esplosivo e può volare per circa 30 minuti a una velocità di circa 130 km/h. Niente male, se è vero – come è stato annunciato – che si tratta di un velivolo efficace, efficiente e poco costoso (ma il prezzo non è stato rivelato).

Come cambiano gli scenari di guerra coi droni kamikaze

Per dirla con le parole di Sergey Chemezov, presidente della Rostec Corporation (una holding statale russa specializzata in compagnie strategiche soprattutto nel comparti hitech) il nuovo drone Kalashnikov rappresenta “Un passo verso una nuova forma di combattimento“.

Già, perché con un’arma del genere sarebbe possibile colpire obiettivi a distanza con una precisione quasi assoluta, e comunque con un range di errore comparabile solo a quello offerto dalle più sofisticate bombe intelligenti americane.

984 visite

Commenta:

Segui DronEzine sui social: