“Dio è un drone”. Il bizzarro sermone del predicatore texano

0

I predicatori televisivi americani ci hanno abituato a teologie piuttosto bizzarre, ma quella del reverendo Ed Young della chiesa Megachurch (letteralmente “Megachiesa”) del Texas paragona Dio a un drone militare, un Predator per l’esattezza.

Le basi teologiche (secondo lui) non fanno una grinza: il Predator avrebbe i tre attributi pricipali del Dio di Abramo: è onniscente, in quanto conosce tutto; è onnipresente,perché può colpire ovunque; è onnipotente (per la sua potenza di fuoco). “Un drone è una specie di microcosmo dove c’è Dio” argomenta Young. Di teologia non capiamo granché, ma ci pare che i droni non siano poi così onniscenti, visto che la prima sortita di un Predator armato ha assassinato un povero pecoraio afghnano che aveva l’unica colpa di essere alto di satura e assomigliare vagamente a Bin Laden, almeno visto dalla telecamera di bordo; non sono assolutamente onnipresenti, visto che le no-fly zone per i velivoli senza pilota civili e militari si diffondono a macchia d’olio; quanto all’onnipotenza, s’è visto che non hanno cavato un ragno dal buco nei raid che avrebbero dovuto annientare Al Quaeda e invece come un boomerang per poco non annientavano la presidenza Obama, messo alle strette dal Senato per i troppi morti civili causati dai ben poco divini Predator,

Quello che è interessante notare invece è che l’infelice simbolo divino scelto da Young dimostra come i droni ormai facciano parte dell’immaginario collettivo, non solo americano, e siano carichi di suggestione e capace di suscitare interesse e curiosità, tanto che basta nominarli in un sermone per riempire una chiesa, o meglio, una MegaChiesa.

Come dice lo stesso Young ai fedeli un poco perplessi dall’accostamento così bizzarro da apparire blasfemo; “Noi cerchiamo di usare come simboli le cose in cui la nostra cultura può identificarsi” ha dichiarato. “E poi i droni ci aiutano a difenderci dai cattivi… anche se in efetti sono mezzi un po’ controversi”.
Peccato, un drone capace di mutare l’acqua in vino e moltiplicare pani e pesci ci sarebbe piaciuto assai.

1183 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: