Ghost, il drone sportivo che ha raccolto 650 mila dollari

0

Non si fermano i progetti presentati e molti dei quali finanziati profumatamente sulla piattaforma di raccolta fondi Indiegogo

A differenza di altri droni, Ghost  non richiede alcun montaggio nè un telecomando separato. Può essere controllato da un app per smartphone veramente user-friendly, che invia un avviso quando la batteria è scarica. Il piccolo quadricottero con la modalità “Auto-follow” permette alla macchina volante di seguire le imprese del pilota, ma sarebbe più corretto affermare di colui che detiene lo smartphone  o il tablet tra le mani durante  un’avventura, per esempio: lo sci, una  escursioni a piedi o il surf. Le altre modalità di volo, quali decollo e atterraggio sono tutte pre programmate rendendo il Ghost un mezzo altamente robotizzato.

ghost-drone-sportivo-action-cam

Il Ghost si inserisce in una fascia di droni “sportivi, ovvero da usare in abbinamento con action cam e in grado di filmare le scene all’aperto in completa autonomia come i suo antagonisti: Hexo+Plexidrone, Actiondog (presto ne perderemo il conto).
In questo settore del mercato, la richiesta è sicuramente alta, non c’è quindi da stupirsi se anche il progetto Ghost abbia raggiunto la cifra record di  650.000 dollari a fronte di una richiesta iniziale di “soli” 100.000$

ghost-drone-con-gimbal

 

Link al sito ufficiale e  link alla piattaforma di crowdfunding  Indiegogo

2403 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: