Tre etti, ma sempre SAPR: come mettersi in regola?

0

1383616_10202445466883799_1548071800_nIn collaborazione con Alpha Lima Aviation, OC riconosciuta ENAC,  DronEzine offre ai soci il servizio Il Consulente riconosciuto da ENAC risponde. Le risposte alle domande che riguardano i dubbi sull’applicazione del regolamento ENAC sono fornite da Paolo Omodei Zorini di AlphaLima, pilota di jet commerciali e istruttore di volo anche per SAPR.  Oggi la domanda riguarda gli adempimenti per i droni inoffensivi da tre etti usati come SAPR

—————————————————————————–
Sono un operatore per aree non critiche, già riconosciuto da ENAC a mezzo di dichiarazione, abilitato con mezzo di peso al decollo maggiore di 2Kg.
Avendo la necessità di operare spesso in aree critiche mi scontro con tempi e costi per ottenere autorizzazioni anche solo per scenari misti.
Volendo sfruttare la possibilità di volare in area critica con un SAPR di peso inferiore a 300 gr, per riportare la condizione a non critica. Come devo attestare a ENAC l’uso di questo SAPR?
Devo per forza mandare tutta la documentazione relativa a sperimentazione, manuale di volo ecc. relativi al mezzo, o questo vale solo per i mezzi compresi tra 300gr e 2Kg considerati inoffensivi? Basta una dichiarazione di peso inferiore al limite? Esiste modulistica specifica da compilare in tal caso? Inoltre fornendo lavoro aereo con mezzo inferiore a 300gr, questo deve essere comunque assicurato?

——————————————————————————

L’art. 12 del regolamento “Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto” stabilisce al quinto comma che, quando un APR ha massa operativa al decollo minore o uguale a 0,3 kg, le sue operazioni specializzate possano essere considerate non critiche a condizione che la velocità massima non sia superiore a 60 km/h e che le parti rotanti siano protette.

Vanno comunque rispettate le regole di circolazione definite dalla sezione V e il divieto di sorvolo degli assembramenti di persone.

Il successivo comma 6 stabilisce che l’operatore o il pilota, quando applicabile, debbano comunque presentare la dichiarazione di rispondenza al regolamento.
Per un operatore già riconosciuto il processo da seguire non è differente da quello che si può applicare per un qualsiasi altro aeromobile a pilotaggio remoto.

Occorre pertanto effettuare analisi di rischio, attività sperimentale, redigere documenti e manuali previsti (il manuale delle operazioni può essere mantenuto più o meno invariato, eccezione fatta per la necessità di inserire metodologie e procedure per le operazioni con APR di MTOM non superiore a 300 g).

Anche l’assicurazione è quindi assolutamente necessaria (Nota della redazione: per i soci di DronEzine, abbiamo convenzioni specifiche per assicurare i micro sotto i tre etti).

In pratica, la bassa offensività di queste macchine e la non obbligatorietà di seguire dei corsi non le rendono comunque agli effetti della legge diverse da qualsiasi altro aeromobile a pilotaggio remoto, ferme restando le semplificazioni normative previste. Ciò è particolarmente importante anche quando sia necessario operare in spazi aerei particolari (CTR, aree regolamentate et similia) che sono vietate agli aeromodellisti, ma non ai SAPR, per quanto piccoli.

2495 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: