Vigili Urbani scoprono abuso edilizio con un drone giocattolo

0

I droni sono e saranno sempre più di aiuto per una grande varietà di casi, anche nel settore dell’edilizia o della archeologia e persino nella lotta di alcuni abusi edili.

Riportiamo parte di una notizia di un quotidiano online dove vengono scoperti per l’appunto alcune irregolarità relative ad un cantiere privato ladddove un residente stava compiendo evidentemente un illecito edilziio. Ottimo tempismo della Polizia Municipale che sollecitata dai rumori provenienti dal cantiere abusivo, prima di intervenire per evitare un giro a vuoto, effettuava un sopralluogo aereo, grazie al drone giocatolo del figlio di uno degli agenti della Municipale.

Ora è certamente vero che l’Ente Nazionale Aviazione Civile ha recentemente promosso a SAPR ovvero drone professionale un drone giocattolo quale il Syma x5C e sicuramente un bel gesto da parte dell’ignaro figlioletto, prestare il proprio gioco per indagini di servizio e certamente un bel risparmio per la Polizia Municipale che non ha dovuto noleggiare un elicottero spendendo magari un migliaio di euro per 5 minuti di volo e forse non era nemmeno permesso farlo considerando il centro abitato.

Poiché il cantiere non era ben visibile dalla strada, gli agenti hanno deciso di ricorrere all’aiuto di un drone prestato proprio dal figlio di un collega. Così, grazie alla telecamera dell’aero – mobile radiocomandato sono riusciti a vedere i lavori

Non sarebbe permesso eseguire questo tipo di ispezioni che sono un vero e proprio lavoro aereo e pertanto normato dall’attuale regolamento ENAC relativo ai Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto. Allo stesso modo della Questura di Matera che abbiamo informato sulla liceità dell’uso di strumenti privati in ambiti di operazioni professionali, allo stesso modo ricordiamo alla Polizia Municipale che come molti loro colleghi Vigili Urbani come quelli della provincia di Statte ad esempio, stanno già facendo adeguandosi alle normative e seguendo appositi corsi professionali per divenire a tutti gli effetti piloti di SAPR. Dato che attualmente non è consentito svolgere operazioni, seppur giustificate dallo scopo perseguibile, come quella da loro fatta probabilmente con una certa leggerezza e disinformazione.

A tal proposito sappiamo con certezza da fonti affidabili che già da tempo ad esempio girano negli uffici delle FDO, circolari dove viene esplicitamente vietato l’uso di mezzi privati quali droni o similari per svolgere attività istituzionali.

Lasciamo qui di seguito il link alla notizia integrale letta da Ciocaria Editoriale Oggi Edizione Frosinone Link alla fonte originale

2341 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: