Krzanich, il CEO di Intel, aiuterà la FAA a fare leggi ragionevoli per i droni

0

Francamente ci sembra una notizia ottima. La FAA, l’ENAC americana, ha affidato al capo di Intel, Brian Krzanich, la guida del Drone Advisory Committee (DAC), un tavolo creato per permettere alle aziende di far sentire la loro voce nella regolamentazione per i droni. Legislazione che in America è spaventosamente arretrata: di fatto è quasi impossibile lavorare con i droni, fin peggio che da noi, e anche gli aeromodellisti sono sottoposti a regole asfissiati, compresa la registrazione di qualunque arnese volante radiocomandato che pesi più di due etti e mezzo.

Brian Krzanich, Ceo di Intel A dimostrazione che comunque la FAA si rende conto di quanto importante sia l’industria dei droni e di quanto terreno l’America sta perdendo tempo, terreno e soldi nei confronti non solo della Cina ma perfino dell’Europa, nel tavolo del DAC siede Michael Huerta in persona, che sarebbe poi l’amministratore delegato della FAA. Non è poco che dirigenti del calibro di Huerta e Krzanich si occupano di quelli che fino a un paio di anni fa erano considerati giocattoli o poco più.

La scelta di Krzanich ci sembra particolarmente felice perché se c’è un’azienda multinazionale che crede fortemente nei droni questa è proprio Intel, che ha investito decine e decine di milioni di dollari in Yuneec, che nel suo ultimo gioiello, il Typhoon H integra le camere per l’evitazione degli ostacoli di Intel. E e ha stupito il mondo con le coreografie di centinaia di droni “intel Inside”. Forza Brian, vinci la tua battaglia e portati a casa una fettina di cielo anche per noi.

 

644 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: