Ehang fa sul serio? Pronto il centro di controllo per i droni passeggeri E184. Forse.

0

Esattamente un anno fa, al CES di Las Vegas, Ehang aveva stupito presentando il primo “taxi drone” autonomo passeggeri al mondo. Ora svela il centro di controllo, che sembra venire direttamente da un film di fantascienza, e si prepara a lanciare per davvero il servizio. Siamo vicini alla rivoluzione nei trasporti o è solo fumo negli occhi?

ehang-184-night-1Lontani dal clamore, i tecnici hanno accumulato 200 voli di test in Cina, anche se non è stato rivelato nulla riguardo a come sono andati e quante ore di volo effettive sono state effettuate. La notizia cade in un momento molto delicato per l’azienda cinese, che ha tagliato 70 persone su una forza lavoro di 300, e sono segnalati diversi problemi di pagamento ai fornitori (compreso il catering) e una netta diminuzione nelle consegne dei droni “normali”, non i mostri passeggeri che ancora sono prototipi e di ordini non ce ne sono proprio.

ehang-flight-command-center-3-1Viene quasi da chiedersi se è davvero arrosto o solo fumo per tranquillizzare creditori e dipendenti, e magari trovare un finanziatore disposto a scommettere sul futuribile drone passeggeri. Ma davvero il centro di controllo è impressionante. Si trova a Guangzhou, nel sud della Cina. Sebbene dalle foto rilasciate alla stampa non c’è nessun modo per capire se sia effettivamente in funzione o meno, almeno sulla carta consente di controllare i droni, ricevere i live feed delle camere di volo e di quella che consente di vedere che combina il passeggero, comunicare con lui e ricevere la telemetria di tutti i dati di volo e della macchina stessa, oltre che interfacciarsi alle torri di controllo per il traffico aereo.

d8cb8a47672a17b9419c01Il co-fondatore e CMO Derrick Xiong sostiene che i test di volo, tutti segreti, hanno permesso di mettere a punto la stabilità e l’accuratezza di volo del drone passeggeri, attraverso interventi a motori, regolatori, design delle batterie ed eliche, allo scopo di creare una macchina più silenziosa ed efficiente. Se son rose, fioriranno: quel che è certo è che o Ehang riesce a fare un balzo in avanti nel 2017, o rischia di finire male. facciamo i migliori auguri all’azienda cinese, sarebbe un peccato se questo affascinante progetto non vedesse davvero la luce. Certo che portare avanti piani ambiziosi quando i soldi sono finiti non è facile, né in Cina né in nessun’altra parte del globo.

GALLERY

781 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: